Belgio, arrestati due fratelli nella notte: stavano preparando attentati

Ancora un intervento contro il terrorismo in Belgio, questa volta in Vallonia. Nella notte la polizia, con un blitz, ha eseguito sette mandati di perquisizione fra Mons e Liegi, ma non ha trovato armi ed esplosivi. La polizia ha altresì arrestato due fratelli sospetti di progettare degli attentati in Belgio. La notizia è stata portata dal quotidiano belga Derniere Heure. Per ora non si hanno molte informazioni circa l’operazione della polizia che si è svolta nella notte.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

Sappiamo che gli inquirenti hanno rivelato che non ci sarebbero collegamenti con gli attentati di Bruxelles del 22 marzo, compiuti alla fermata de Maelbeek ed all’aeroporto di Zaventem. La polizia ha sostenuto che i due, che hanno cognomi arabi, “stavano progettando attentati”. Al giudice, oggi, spetterà la decisione di confermare il fermo dei due uomini o di rilasciarli.

I nomi dei due soggetti arrestati sono stati resi noti: sono due fratelli, Nourredine H., 33enne, e Hamza H. Il giudice potrebbe anche decidere di prolungare la custodia altre 24 ore, o di rilasciarli. “Sulla base degli esiti delle indagini sembra che stessero pianificando un attacco da qualche parte in Belgio” ha sostenuto la procura federale in una nota stampa. La paura di attacchi nel Paese è molto alta. Il Belgio è una delle nazioni più a rischio di nuovi attentati e la tensione è palpabile.

Il livello di allerta per il Belgio e Bruxelles, città dove si trovano anche le istituzioni della Nato e dell’UE, è a livello tre su un massimo di quattro. La minaccia terroristica, secondo le autorità, è “seria, possibile o probabile”. I due fermi potrebbero essere la conseguenza di un ulteriore innalzamento della soglia di attenzione, come dire che le autorità si aspettano un altro attentato a momenti. Purtroppo, effettivamente, non ci si può più permettere atti di superficialità come quelli che in Francia hanno permesso a due soggetti, entrambi schedati come aspiranti terroristi e uno dei quali munito anche di braccialetto elettronico, di uccidere un prete a Rouen e di ferire un altro fedele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *