Che malattia ha Alessandro Baricco: diagnosi e trapianto

Che malattia ha Alessandro Baricco: diagnosi e trapianto插图
Alessandro Baricco

La malattia è tornata a farsi sentire per Alessandro Baricco che sè è trovato a dover affrontare ancora una volta la leucemia. Il noto scrittore è stato costretto a sottoporsi a un intervento di trapianto del midollo 18 mesi dopo il primo che era arrivato nel febbraio del 2022. All’artista è stata diagnosticata da tempo una leucemia mielomonocitica. Proprio l’autore ha voluto raccontare quello che è accaduto con i suoi follower, cercando di essere diretto e come al solito risultando molto profondo.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

Ecco le sue parole su Instagram: “Lo so. Non si usano i social network così, ma bisogna avere pazienza con me, ultimamente ho avuto momenti complicati. Ho di nuovo una notizia da dare. Due giorni fa sono stato dimesso dall’Ospedale San Raffaele di Milano dove nel reparto del Professor Ciceri ho sostenuto un secondo trapianto del midollo (la malattia si era rifatta viva, ho dovuto farlo). Dicono i medici (l’equipe del Dottor Peccatori, tutti serenamente bravissimi) che è andata bene e che le mie condizioni sono buone”.

Alessandro Baricco e la malattia

Alessandro Baricco ha aggiunto: “Quel che so io è che sono stati 41 giorni duri, ma ora è fantastico. Ce l’ho fatta anche perché la mia compagna Gloria è una donna incredibile, la mia famiglia è fatta di gente tostissima e i miei amici non mi hanno mai lasciato solo. Oh, come vi ringrazio tutti quanti. Adesso mi rimetto in piedi guardando alberi secolari, che, come mi hanno insegnato Coccia e Mancuso, sanno vivere meglio di noi. La mia agenda dice che tornerò in pubblico il 29 ottobre 2023 al Teatro alla Scala dove farò la voce recitante in un concerto delle mitiche sorelle Labèque (che gioia, amiche mie). Nel frattempo, tutto mi meraviglierà. Un grande abbraccio”.

Sono parole di un uomo molto sensibile e che hanno commosso immediatamente il suo ampio pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *