Fumo, ecco le nuove norme: foto shock, auto senza sigarette

Le nuove norme europee sul tabagismo sono entrate ufficialmente in vigore.
Si tratta di un complesso di regole volte a stringere il numero dei fumatori passando attraverso divieti piccoli e grandi.
Per esempio, in Italia non si venderanno più i pacchetti da 10 sigarette, che sono considerati quelli più richiesti dai minorenni a causa del loro costo ridotto.
Verranno introdotte le famose foto shock, delle quali si parlava da anni, che rappresentano immagini e foto che rendano l’idea dei disastri che il fumo provoca a lungo andare al corpo.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

Via libera quindi alle foto shock, che occuperanno il 65% dello spazio sul pacchetto, alle consuete frasi di avvertimento, che dovrebbero raggiungere lo scopo di intimorire e quindi a non iniziare a fumare (o a smettere, cosa ancora più difficile).
Foto di uomini disperati, perché il fumo crea “impotenza”, di polmoni distrutti da cancri provocati dal tabagismo, di pupille cieche (“il fumo aumenta il rischio di cecità”).
Non solo, per limitare l’utilizzo delle sigarette, da oggi non potranno più essere utilizzati aromi e sapori per rendere più piacevole e accattivante il fumo: addio quindi alle sigarette aromatizzate. 

In Italia è la prima volta che questo complesso di norme viene introdotto, altri Paesi europei le applicano già da diversi anni. Anche l’automobile diventa un luogo off limits per fumare, se ci sono minorenni oppure delle donne in gravidanza, pena sanzione. Non si potrà fumare neppure nelle strutture universitarie ospedaliere, nelle pertinenze dei reparti di neonatologia, ostetricia, pediatria, e negli IRCCS.
Al bando la vendita ai minorenni non solo di sigarette, ma anche di sigarette elettroniche e di liquido di ricarica contenente nicotina: le sanzioni possono essere dai 500 ai 3mila euro, e 15 giorni di sospensione della licenza d’attività.

Non si potranno più vendere confezioni di tabacco sfuso per più di 30 grammi. Vietata la vendita anche del tabacco orale. 
Sanzioni in arrivo anche per chi butta a terra mozziconi, potranno valere fino a 300 euro. Dulcis in fundo, nessuna pubblicità di liquidi o ricariche delle sigarette elettroniche con nicotina nei programmi per minori e nelle fasce protette.
Invece ogni tipo di pubblicità di prodotti del tabacco era già stata abolita da tempo in tutte le tipologie di pubblicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *