Germania, rifugiato siriano uccide una donna incinta a colpi di machete

Ancora orrore e violenza in Germania, dove un rifugiato siriano ha assassinato una donna e ferito altre due persone a colpi di machete. Nel Baden-Württemberg, a Reutlingen, un 21enne siriano che aveva fatto richiesta di asilo in Germania ha ucciso una donna e ferito un’altra donna ed un uomo. L’aggressione e l’omicidio sono avvenute a Listplatz, vicino al locale dove la donna uccisa lavorava. E’ l’ennesimo episodio di violenza da parte di rifugiati che sconvolge la Germania: qualche giorno fa un 17enne afghano, anche lui rifugiato, aveva ferito cinque persone (delle quali quattro in modo grave) su un treno, urlando Allah u Akbar, ed utilizzando un’ascia ed un lungo coltello.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

Poi la strage di Monaco di tre giorni fa, che ha fatto nove morti, dieci con l’assassino, un 18enne iraniano. E adesso questo barbaro omicidio.
L’omicidio è avvenuto nelle vicinanze di Listplatz, nel negozio che vende kebab dove la donna lavorava. Per ora non sono chiari i contorni del delitto, anche se la polizia si è affrettata nel sostenere che non vi sarebbe la matrice terroristica a sostenere l’ennesimo atto di violenza in terra tedesca. Secondo alcuni testimoni, prima di aggredire la donna il siriano aveva avuto una discussione accesa e violenta, e poi ha estratto il machete.

Non si comprende come l’uomo fosse in possesso di quell’arma e se l’atto sia stato premeditato. Le ragioni del gesto del 21enne non sono ancora chiare. L’uomo, in ogni caso, era già noto per essere un violento: aveva già compiuto altri atti per cui era noto alle forze dell’ordine. Un particolare che aggiunge orrore all’orrore: secondo il quotidiano tedesco Bild, la donna aggredita ed uccisa dal rifugiato era incinta.
“L’omicida” ha sostenuto la polizia “ha agito da solo, così crediamo che gli abitanti di Reulingen e dei dintorni non corrano probabilmente alcun pericolo”.

Il giornale Sueddeutsche Zeitung ha sostenuto che dopo il litigio l’uomo avrebbe aggredito la donna e quindi ferito altre due persone, in preda ad una furia e follia incontrollabile. Dopo l’omicidio, il siriano è stato inseguito dalla polizia contattata dai presenti, ma come riferisce un testimone oculare, “Era completamente fuori di testa. Correva con il machete persino dietro a una volante della polizia”.
Ad un certo punto “il conducente di una Bmw ha accelerato e lo ha investito. A quel punto era disteso a terra e non si muoveva più” ha sostenuto un altro testimone. E’ stato quindi immobilizzato ed arrestato dalla polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *