Idomeni, è in corso lo sgombero del campo profughi che ospita 8mila persone

E’ iniziato verso le sei di questa mattina lo sgombero del campo profughi di Idomeni, che si trova fra Grecia e Macedonia, al confine, e che ospita circa 8.400 persone che si erano accampate nella zona per cercare di raggiungere il nord Europa. La maggior parte degli occupanti della zona provengono dall’Iraq, dalla Siria e dall’Afghanistan. Il campo di Idomeni era diventato il simbolo della situazione critica dei migranti, in bilico fra due confini, bloccati, senza sapere dove andare.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

E’ da febbraio che famiglie, minori, si trovano fermi al confine; è da febbraio che a Idomeni si susseguono manifestazioni, che spesso e volentieri terminano in scontri con la polizia. Oggi con lo sgombero del campo è segnata la fine di un capitolo della storia di queste persone in fuga.
Le fonti governative hanno sostenuto che l’operazione sta avvenendo lentamente, “con calma”, e soprattutto senza l’utilizzo della forza, come ha voluto sottolineare il portavoce greco della situazione dei migranti, Giorgos Kyritsis.

Per coadiuvare la fase dello sgombero a Idomeni si trovano venti unità di polizia in tenuta anti sommossa, per un totale di 400 persone, ed un elicottero che dall’alto sorveglia la situazione. Lo sgombero di un numero così grande di persone può essere problematico, eppure fino ad ora tutto si sta svolgendo nella tranquillità e con pacatezza.
I giornalisti sono situati all’esterno del campo, oltre la barriera che si trova a 3 km da Idomeni, e non possono assistere direttamente alle operazioni di sgombero: i media e gli operatori dei giornali erano già stati allontanati nel corso della notte dalla zona del campo, il cui accesso è adesso presidiato da forze di polizia.

I profughi stanno venendo trasportati in nuovi centri aperti nella regione settentrionale della Grecia e soprattutto a Salonicco, grazie a dei grandi pulmann che si occupano dello spostamento. I campi profughi predisposti al momento possono ospitare circa seimila persone, ma il governo ha detto che ben presto verrà trovata una sistemazione anche per il numero restane di profughi.
Le informazioni circa il trasferimento sono state elargite agli occupanti del campo nel corso della notte, grazie all’aiuto degli interpreti.
Secondo la polizia, lo sgombero del campo dovrebbe durare all’incirca una decina di giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *