Mister Olympia 2017, vince Phil Heath, settimo titolo consecutivo

0
1313
mister lympia 2017 vincitori

Phil Heath, ancora lui, si impone per la settima volta consecutiva sul palco di Las Vegas, per l’appuntamento più importante di tutti, la 53 esima edizione del Mr Olympia 2017.

L’appuntamento era tutt’altro che scontato quest’anno, e la concorrenza non è mancata, ma sin dal prejudging del venerdì si era capito che i pretendenti al trono erano in tre, l’astro nascente William Bonac, quinto l’anno scorso su questo palco, e l’egiziano Big Ramy, quarto l’anno scorso e per molti il favorito.

L’attesa era tanta e lo spettacolo non è mancato, con interessanti amarcord come la partecipazione al Olympia sezione Classic Physique della leggenda Flex Wheeler.

Grande assente alla serata Kai Greene, per molti degno ed unico avversario in grado di poter sconfiggere Phil Heath, ma per tutto il weekend è stato Mamdouh Elssbiay (Big Ramy) ha tener testa allo scorso vincitore delle sei precedenti edizioni, l’atleta egiziano era chiaramente più grosso, soprattutto negli arti inferiori, e dotato anche di una maggiore ampiezza ed apertura dorsale di Phil Heath, ma il “pacchetto” completo del campione, miglior definizione complessiva, soprattutto nei dorsali, separazione più accentuata nelle gambe ed aspetto generale più asciutto e definito, non ha lasciato dubbi ai giudici che lo hanno decretato, anche se di misura, campione per il settimo anno consecutivo.

Unica sbavatura, in una presentazione quasi perfetta, sia dell’egiziano Big Ramy che dell’atleta statunitense Phil Heath (ma visibile solo in alcune pose) è stato l’eccessiva ampiezza del loro punto vita, rispetto a qualche anno fa, che non ha compromesso la definizione addominale, ma risultando però ben visibile nella posa dei dorsali frontali e doppio bicipite anteriore.

Menzione d’onore per la terza posizione per uno fra i più promettenti atleti di questo sport, William Bonac, incredibile livello di definizione in tutte le pose e completo sia nella parte superiore che inferiore, quasi alla parti di Phil Heath, ma con un bel pò di kg in meno addosso.

L’eterno Dexter Jackson, 47 candeline sulla torta e terzo su questo palco l’anno scorso, sbaraglia l’agguerrita concorrenza di atleti che potrebbero essere suoi figli, piazzandosi alla lodevole quarta posizione e presentandosi, come ogni anno con un fisico senza alcuna sbavatura, anche molto più asciutto e tagliente di altri atleti, soprattutto nella posa di doppio bicipite frontale e di most muscolar.

Quinta posizione per Shawn Roden, con una presentazione che, seppur senza grossi difetti, ma apparsa sicuramente più leggera di tanti altri atleti di pari statura, gambe sicuramente non all’altezza dei primi tre classificati e ampiezza dorsale limitata, da sempre suo tallone d’achille, oltre che definizione complessiva leggermente inferiore al sorprendente secondo posto dell’anno scorso.

Sesto posto (alla pari del 2016) per l’olandese Roelly Winklaar, enorme come massa complessiva e capace di tener quasi testa, in termini di peso a Big Ramy, ma decisamente poco asciutto e con un livello di ritenzione idrica non perfetto.

Settimo e meritato posto, per il semi-esordiente Nathan DeAsha, nessun grosso punto debole, anche se con tanta massa ancora da aggiungere per potersi anche solo confrontare con i primi sei atleti.

Ottava ed un po’ deludente la prestazione di Brandon Curry, da diversi anni ormai sulla cresta dell’onda ed eterna promessa, ma senza riuscire mai, al momento decisivo ad incidere fino in fondo, buona la massa complessiva, ma non definita a dovere, soprattutto nella parte inferiore del corpo.

Nona posizione per il sorprendente Josh Lenartowicz, discreta esibizione complessiva anche se carente definizione a scapito dell’enorme mole.

Decimo posto per il deludente Cedric McMillan (settimo l’anno scorso) ed apparso un po’ appannato quest’anno su questo palco, e forse reduce dalle fatiche che lo hanno visto vittorioso all’Arnold Classic di quest’anno.

 

Questa quindi la classifica delle prime 10 posizioni del Mister Olympia 2017:

 

  1. Phil Heath
  2. Mamdouh Elssbiay (Big Ramy)
  3. William Bonac
  4. Dexter Jackson
  5. Shawn Roden
  6. Roelly Winklaar
  7. Nathan DeAsha
  8. Brandon Curry
  9. Josh Lenartowicz
  10. Cedric McMillan

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here