Il prof malato di cancro non ce l’ha fatta: gli studenti avevano cantato sotto la sua finestra

Ben Ellis non ce l’ha fatta. L’insegnante di latino della Christ Presbyterian Academy di Nashville, nel Tennessee, è morto venerdì mattina, al termine di una lunga battaglia contro un cancro all’esofago e a soli dieci giorni di distanza dall’evento che lo aveva messo sotto i riflettori del mondo: Ben era così amato nella sua scuola che 400 studenti si erano radunati sotto casa sua per sostenerlo e fargli sentire il loro calore cantando tutti in coro per lui la canzone “Holy Spirit you are welcome here” (Spirito Santo, qui sei il benvenuto). Una mossa a sorpresa davanti alla quale è rimasto senza parole mentre dalla finestra guardava i suoi ragazzi cantare per lui: uno spettacolo unico che lo ha lasciato con le lacrime agli occhi, regalandogli negli ultimi istanti della sua vita amore e bellezza e restituendogli il senso di un’esistenza spesa insegnando tutto ciò che sapeva ai suoi ragazzi.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

La manifestazione, filmata il 7 settembre e postata online, ha commosso il mondo ed è stata vista decine di milioni di volte dopo che Tim McGraw, una star della musica country, lo ha condiviso su Facebook. «Oggi un amico mi ha inviato questo filmato – aveva detto McGraw – Ben Ellis insegna in una scuola superiore di Nashville e sta lottando contro il cancro. L’intero corpo studentesco – oltre 400 studenti più gli insegnanti – è andato davanti a casa sua per pregare con lui. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con lui e la sua famiglia».

La mamma di un alunno della scuola, in un post su Facebook, ha descritto Ellis come un insegnante modello e ha raccontato che il professore ha scritto una lettera ai suoi ragazzi dicendo loro che dopo il “concerto” che gli avevano dedicato si sentiva ancora più sicuro del fatto che Dio è buono ed è con noi.

Bob Ellis, il padre di Ben, ha ringraziato Tim McGraw su Facebook, aggiungendo: «Ben, attraverso il suo insegnamento, ha toccato positivamente centinaia e centinaia di vite direttamente, e indirettamente molte migliaia. Lui, la moglie e i figli sono una bella famiglia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *