Robot? No grazie, fanno paura. E Google cederà Boston Dynamics

I robot? Fanno paura, e non servono a creare profitto. Un’indiscrezione di Bloomberg rivela che Alphabet, complesso del quale fa parte anche Google, avrebbe intenzione davvero di cedere la sua società che si occupa della tecnologia della robotica, Boston Dynamics. Una decisione che, in un momento come quello attuale dove ci si sfida “all’ultimo colpo” nella battaglia tecnologica, appare abbastanza complesso da capire: in poche parole, perché mai Google & Co dovrebbe decidere di lasciare in mano altrui una fetta così importante e così all’avanguardia nel mercato della tecnologia?

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

Non si tratta di un problema di qualità del lavoro degli ingegneri, ma semplicemente non si vede la possibilità di creare un prototipo interessante per il commercio da qui ai prossimi anni. Molta ricerca, molti soldi investiti per sviluppare il concetto di robotica, ma pochi risultati (o meglio, pochi risultati effettivamente commercializzabili). E questo avrebbe spento l’entusiasmo di Alphabet nel progetto robot. Non che manchino gli acquirenti: indiscrezioni sostengono che Toyota Research e Amazon sono fra i nomi più quotati nel tentativo di accaparrarsi la Boston Dynamics.

Sono solamente indiscrezioni, per ora, in assenza di una conferma ufficiale, ma pare siano abbastanza attendibili. La sensazione di questi mesi è che l’attrazione di Google verso il campo della robotica sia in una fase di stallo. Non già perché il campo manchi di fascino, tutt’altro, ma perché non comporta risultati immediatamente inseribili sul mercato a fronte di spese invece abbastanza ingenti. La storia fra Google e Boston Dynamics era iniziata a fine 2013; in quegli anni Google puntava alla robotica come ad un vero e proprio punto di forza. E di prototipi anche abbastanza strani ne sono stati realizzati un bel po’, finché si è mantenuto il feeling fra Google e la Boston Dynamics. Dopo che Rubin, ex CEO di Google, ha lasciato per andare a coltivare la sua passione per le startup, tutto ha cominciato a cambiare.

Uno di motivi del declino potrebbe essere la reazione terrorizzata di molti utenti ad un video diffuso da Google dove si vedevano i robot comportarsi come esseri umani ed interagire con noi.
E forse adesso, anzi nel futuro prossimo, potremo vedere una delle più quotate aziende di robotica nelle mani di un altro leader del mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *