Sicilia, è allarme incendi: case evacuate a Palermo, ospedali in allerta

E’ allarme incendi in Sicilia, specialmente a Palermo. Incendi di varie dimensioni si stanno diffondendo in tutta la provincia, spinti anche dal forte vento, e stanno mettendo in allerta la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco e ovviamente anche la popolazione del luogo.
Il calore è arrivato a punte di 46 gradi, 44 gradi all’aeroporto di Punta Raisi alle 15. Si stima che il tasso d’umidità sia del 10%.
Il risultato degli incendi sono anche le strade bloccate (l’autostrada Palermo-Messina è stata chiusa su entrambe le carreggiate perché il fumo impediva di vedere la strada, è stata chiusa anche la statale 113).

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

A causa degli incendi sono almeno sessanta gli intossicati ricoverati, soprattutto anziani, ma anche bambini, provenienti soprattutto dall’asilo di Monreale riempito dal fumo. I bambini non sarebbero in condizioni gravi. Alcune persone sono state salvate dai volontari della Protezione Civile dopo essere rimaste bloccate nelle proprie case.
Diverse le zone interessate dagli incendi: Palermo, Alia, Balestrate, Monreale, Contessa Entellina, Cefalù e molti altri comuni della provincia palermitana.
Per i Vigili risulta difficile domare il fuoco, infatti i Canadair fanno fatica ad alzarsi in volo a causa del forte scirocco che rende pericolose le operazioni.

La prefettura ha convocato un tavolo per l’emergenza, per poter puntualizzare la situazione e coordinare l’intervento. Restano alti i rischi di incendio e di ondate di calore in Sicilia, per cui la Protezione civile invita a sigillare le finestre col nastro adesivo per impedire al fumo di entrare.
A Palermo, nel rione Brancaccio, una famiglia è rimasta bloccata nello stabile a causa delle fiamme e del fumo.
A Lascari diverse scuole sono state evacuate, e sono in azione decine di squadre di Vigili del Fuoco e della protezione civile per cercare di far rientrare l’allarme.

Sul golfo di Palermo diversi giardini e parchi pubblici sono stati chiusi per sicurezza; inoltre anche dall’aeroporto Falcone e Borsellino sono stati cancellati alcuni voli a causa del forte vento che impedisce le partenze in sicurezza.
Secondo l’assessore regionale all’ambiente, Maurizio Croce, il vero problema è quello della mancanza di comunicazione. “È un problema serio” ha sostenuto l’assessore “Ognuno di questi operatori operano senza raccordo. Lavorano su piattaforme informatiche diverse, per cui non c’è dialogo tra loro”.
Intanto la Protezione Civile ha emesso un avviso: “temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *