Alfonso Signorini, parla della sua malattia

0
64

«La leucemia mi ha fatto capire il valore delle cose». Un Alfonso Signorini inedito o quasi, quello che si racconta a «La Verità». Il direttore di «Chi» parla di come la malattia l’ha cambiato, ma si toglie anche qualche sassolino dalla scarpa.

Della sua malattia, Signorini aveva parlato già dal 2014, quando si era dovuto prendere una pausa della tv e dagli impegni professionali. Ora torna con la memoria a quel periodo: «Il 23 dicembre ero in diretta a Kalispera!. C’erano ospiti Christian De Sica e Sabrina Ferilli e non smettevo di sudare. A mezzanotte avevo 40 di febbre. Terminai la serata e andai al pronto soccorso del San Raffaele. Mi fecero gli esami, mi diedero un antipiretico e mi mandarono a casa. La mattina dopo, vigilia di Natale, mi chiamarono: “Lei ha una leucemia mieloide, non si muova, ci vediamo il 27 per iniziare le cure”». Poi le cure, e il ritorno.

Il direttore di «Chi», dichiaratamente omosessuale, parla anche di adozioni: «Mi batto per l’adozione ai single, etero o omosessuali, ma solo dopo il terzo anno di età del bambino perché nei primissimi anni una creatura ha bisogno delle cure di una madre. Ecco perché non ho condiviso, pur rispettandolo, Nicky Vendola. Non sono d’accordo invece con la maternità surrogata». Ma nell’intervista si toglie anche qualche sassolino dalla scarpa, attaccando Barbara D’Urso: «Una stakanovista eccezionale e un animale da telecamera. Però non mi piace il finto moralismo. Il suo Grande Fratello sta battendo tutti i record del trash».

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here