Arriva il nuovo digitale terrestre: ecco cosa cambierà nel 2021

0
92

A partire dal mese di settembre 2021, inizierà il passaggio verso un nuovo standard televisivo, cioè il DVT T2, che, ad oggi, non è supportato da tutti gli apparecchi televisivi presenti nelle case degli italiani.

Le trasmissioni della tivu digitale terrestre cesseranno e verranno, quindi, progressivamente devolute verso questo nuovo standard, in modo che le comunicazioni mobili, cioè quelle eseguite tramite i nostri cellulari, abbiano una maggiore disponibilità di frequenza.

loading...

Le novità del 2020 e del 2021

Nel corso di quest’anno, si inizierà con la liberazione della banda di frequenza 700Mhz, un’operazione che creerà un maggior spazio ma che non comporterà disagi per noi utenti; infatti, sarà per noi sufficiente compiere una nuova sintonizzazione dei canali televisivi. Questa operazione, da sola, ci permetterà di continuare a vedere i nostri programmi preferiti.

Invece, il vero e proprio passaggio al nuovo standard televisivo avverrà dal 1° settembre 2021. Le prime regioni a sperimentare questa novità e le tivu digitale terrestre nuovo saranno Valle d’AostaPiemonteLombardiaVenetoFriuli Venezia GiuliaEmilia Romagna assieme alla province di Trento e Bolzano.

Le regioni del Centro Italia, invece, passeranno al nuovo digitale a partire dal 1° gennaio del 2022; quelle del Sud a partire dal 1° aprile del 2022.

Quali sono i televisori interessati al cambiamento

I televisori interessati allo spegnimento del vecchio digitale terrestre sono, per la maggior parte, quelli che sono stati acquistati o prodotti prima del 2010 in quanto, stanno, in alcuni casi, già evidenziando una certa fatica nel mostrare i canali in alta definizione.

Allo stesso modo, il cambiamento andrà ad interessare anche i televisori comprati tra il 2010 e il 2014, poiché questi, sebbene ricevano i canali in alta definizione poiché supportano il digitale terrestre, non sono adatti al nuovo standard DVT T2.

Per tutti i televisori più recenti, invece, è disponibile un test per comprendere se i dispositivi necessitano di essere cambiati o meno. Occorre solo sintonizzare questi apparecchi sul canale 100 o sul canale 200; se la trasmissione delle immagini prosegue ininterrotta, il televisore si adatterà al nuovo digitare terrestre.

Bonus Tv per il nuovo digitale terrestre

In virtù della necessità di provvedere TV digitale terrestre nuovo, il Ministero dell’Economia ha autorizzato la consegna di un bonus Tv. Il bonus ha un valore massimo di 50 euro e potrà essere richiesto dalle famiglie il cui ISEE non superi i 20.000 euro, tramite la consegna di un modulo, reperibile sul sito del MISE.

Saranno, poi, direttamente i commercianti a concedere lo sconto, previo controllo dei dati del cliente, come numero di carta d’identità, codice del prodotto acquistato e codice fiscale, eseguito direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Il negoziante, comunque, potrà recuperare lo sconto concesso e lo farà tramite il credito d’imposta.

Per portare a compimento tale operazione e operare il passaggio al nuovo digitale terrestre, senza gravare sulle tasche dei cittadini meno abbienti, sono stati stanziati dal governo ben 151 milioni di euro.

Commenti

commenti

loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.