Castelli: “Inserire ruolo imprese in Costituzione”

0
42

Meno burocrazia, fisco meno pesante

Il vice ministro dell’Economia e delle Finanze, la grillina Laura Castelli, in un intervento ha rilanciato la necessità di rimettere al centro della Costituzione le imprese. “È giunto il momento di sdoganare il ruolo centrale dell’impresa riconoscendogli quello di chi crea valore nella società. Credo si debba avviare una riflessione seria sul tema, arrivando anche ad inserire il concetto in Costituzione. Il nostro Paese è grande, nel mondo, anche grazie alle nostre imprese, al settore manifatturiero, al made in Italy. E questo ruolo dobbiamo riconoscerglielo esplicitamente, con politiche dedicate”.

“Il 32 per cento del nostro Pil deriva dall’export, è il segno inequivocabile della bontà della nostra produzione. Nonostante le difficoltà quotidiane che il mondo dell’impresa deve affrontare, c’è chi non si è mai arreso. Meno burocrazia e meno tasse, è quello che ci chiedono ed è quello che dobbiamo garantire all’intero sistema Paese. Aumentando anche la difesa dell’interesse nazionale, all’interno di regole europee che dobbiamo contribuire a migliorare” ha continuato la Castelli..

loading...

Il punto della riforma fiscale

Castelli aggiunge che è ora scopo del governo “realizzare una ampia e rivoluzionaria riforma fiscale, che ci permetta non solo di ridurre le tasse alle imprese, ma anche di rivedere il nostro fisco, troppo complesso ed articolato. Serve – sottolinea – una visione di lungo periodo, non una politica elettorale fatta di slogan. Servono politiche strutturali, non norme che cambiano ogni giorno. Questo è il lavoro che stiamo portando avanti, con un confronto costante con le parti sociali, perché dal benessere delle nostre aziende, sul territorio, dipende la salute e il benessere dei nostri cittadini”.

Fra i punti chiave, “La sburocratizzazione: 15 mila norme in Germania, 150 mila da noi. È una corsa a ostacoli. E poi dobbiamo difendere meglio l’interesse nazionale. Noi siamo profondamente europeisti, ma dobbiamo stare attenti quando applichiamo le regole europee a non trasformarle in dei mostri”.

Commenti

commenti

loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.