Come coltivare lo zafferano in vaso? Tutti i segreti

Una delle piante che possono essere coltivate comodamente sul proprio balcone o terrazzo è lo zafferano. In questo articolo troverai le informazioni che ti servono per sapere come coltivare lo zafferano in casa ottenendo degli ottimi risultati.

Come coltivare zafferano in vaso

I bulbi di zafferano possono essere tranquillamente acquistati presso un vivaio o anche, più semplicemente, da qualche magazzino online specializzato nel giardinaggio. Questi bulbi devono avere un diametro compreso tra i 3 e i 4 cm per essere sicuri che possano poi germogliare e produrre. Il periodo migliore per essere piantati è quello che va da fine agosto a inizio settembre e i bulbi vanno seminati ad almeno 5 cm tra loro e a una profondità di 10 cm circa; il terreno deve essere privo di sassi e ben drenato.

Il terreno

Una delle accortezze che bisogna avere è quella di verificare che il terreno non sia di natura argillosa o, in linea di massima, troppo compatto. Uno dei consigli è quello di mischiare il terreno con del compost o con del letame organico così da avere tutte le sostanze nutritive di cui necessitano i bulbi per svilupparsi.

I parassiti e la maturazione dello zafferano

La coltivazione dello zafferano può essere messa in continuo pericolo da alcuni animali che amano nutrirsi dei suoi bulbi. Infatti sono nemici assoluti dello zafferano i conigli, i serpenti, gli uccelli rapaci e i roditori. Ovviamente se decidiamo di coltivare lo zafferano sul nostro balcone di casa diminuisce notevolmente il rischio di essere attaccati da uno di questi animali, ma il discorso cambia se abbiamo un appezzamento di terra e vogliamo coltivarlo in piena terra.

La maturazione inizia ad avvenire verso il mese di ottobre dove si sviluppa la prima parte aerea della pianta. Nella stagione primaverile, invece, le foglie inizieranno a seccare e daranno coì vita a nuovi bulbi che continueranno a crescere fino al mese di giugno circa. Verso la fine dell’estate i nuovi bulbi potranno essere rimossi, asciugati e piantati nuovamente.

È necessario che il terreno non sia troppo umido dato che per la coltivazione dello zafferano quello che serve è molta luce e non molta acqua; motivo per cui, molto spesso, è sufficiente l’acqua piovana per l’irrigazione dello zafferano. In ogni caso bisogna prestare la giusta attenzione al fatto che non si formino dei ristagni; inoltre lo zafferano sopporta molto bene la siccità. 

La raccolta dello zafferano

La raccolta dello zafferano è la parte della coltivazione più difficile e che richiede maggior impegno e attenzione. La difficoltà è dovuta dal fatto che i fiori di zafferano restano aperti solo per pochi giorni e appassiscono poi molto velocemente, mentre anche i pistilli sono veramente molto delicati: un mix che richiede cura e delicatezza. 

Il primo giorno di fioritura resta quello ideale per raccogliere gli stimmi rossi e odorosi: operazione da effettuare al mattino presto quando i fiore è ancora chiuso.

Vista la grande delicatezza si può pensare di separare ogni stimma con una pinzetta, meglio se decidete di recidere il fiore sempre con grandissima cautela e attenzione. Poi, aprite delicatamente i petali e cercate il filamento che unisce i tre stimmi: spezzatelo, così da non separarli.

 

Milano
nubi sparse
3.8 ° C
5.6 °
2 °
93 %
1kmh
75 %
Lun
12 °
Mar
12 °
Mer
14 °
Gio
13 °
Ven
13 °

Potrebbe interessarti: