Coronavirus: c’è una seconda vittima italiana. E’ una donna. Sono 29 i contagiati tra Veneto e Lombardia. Quarantena per i contagiati nell’ospedale militare di Baggio

0
312

Coronavirus: c’è una seconda vittima italiana. E’ una donna. Sono 29 i contagiati tra Veneto e Lombardia. Quarantena per i contagiati nell’ospedale militare di Baggio

Sono stabili le condizioni del ‘paziente 1’, il 38enne positivo al Coronavirus ricoverato all’ospedale Civico di Codogno (Lodi)

Seconda vittima italiana del Coronavirus. Secondo quanto apprende l’ANSA da fonti sanitarie si tratta di una donna residente in Lombardia che potrebbe essere collegata ai casi di Codogno.

loading...

La prima vittima è stata Adriano Trevisan, di 78 anni, è deceduto all’ospedale di Padova, dove era ricoverato insieme con un’altra persona positiva al virus. Ex titolare di una piccola impresa edile, Trevisan aveva tre figli, una delle quali, Vanessa, era stata sindaco di Vo’ Euganeo di dove sono originari.

L’uomo, ricoverato già da una decina di giorni per precedenti patologie, è spirato all’ospedale di Schiavonia (Padova). “Non c’è stato neppure il tempo per poterlo trasferire” ha detto il governatore Zaia.

Stabili le condizioni del ‘paziente 1’, il 38enne positivo al virus ricoverato a Codogno. Già 200 test negativi all’ospedale di Schiaìvonia (Padova), dove sono stati registrati i primi due casi in Veneto e dove è deceduto il primo paziente.

E’ salito a 29 il numero dei pazienti risultati positivi ai test del Corovinarus e residenti tra la Lombardia e il Veneto. Ventisette di questi risiedono in Lombardia, mentre due sono i casi accertati in Veneto, ai quali va l’aggiunto l’anziano di Vò Euganeo morto nella serata di ieri.

Uno dei contagiati in Veneto è un uomo di 67 anni, di Dolo, ricoverato ora in rianimazione a Padova. Lo riferisce all’ANSA il presidente del Veneto, Luca Zaia. Il paziente è transitato dapprima al pronto soccorso di Mirano (Venezia), poi nella rianimazione di Dolo (Venezia), e, in seguito al peggioramento delle condizioni, è stato trasferito a Padova.

E si registra il sedicesimo caso in Lombardia, a Cremona, dove oggi sono state chiuse tutte le scuole.

Il coronavirus ha provocato finora 2.360 vittime a livello mondiale, incluso l’italiano deceduto ieri sera in Veneto: è quanto emerge dal bilancio aggiornato della statunitense Johns Hopkins University. Il totale dei casi confermati di contagi è salito a quota 77.662, mentre i pazienti guariti finora sono 21.029.

“Abbiamo preso tutte le misure e siamo disponibili a valutarne ulteriori, se necessarie”, ha detto il premier Giuseppe Conte al termine della riunione straordinaria alla Protezione Civile alla quale ha partecipato anche il ministro della Salute Speranza. “Rassicuriamo tutta la popolazione – ha aggiunto – al momento abbiamo messo in quarantena tutte le persone che sono venute in contatto con i casi certificati positivi”. “Siamo convinti che il servizio sanitario nazionale sia all’altezza di questa sfida – ha aggiunto il ministro Speranza -. Abbiamo fatto un lavoro di screening molto accurato, per selezionare uno ad uno i contatti stretti di queste persone li stiamo verificando uno ad uno con i tamponi e pensiamo che questa sia la modalità più efficace per contenere l’avanzamento del virus”.

Quarantena a Baggio nell’ospedale militare della caserma Annibaldi

È la caserma Annibaldi di via Saint Bon, sede del Centro ospedaliero militare, una delle due strutture individuate dal Ministero della Difesa per mettere in quarantena 60 persone che hanno avuto contatti diretti con i 15 contagiati da coronavirus nel Lodigiano: stiamo parlando di parenti stretti, amici e colleghi di lavoro di coloro che sono risultati positivi ai tamponi nelle ultime ore e che sono tuttora ricoverati tra l’ospedale di Codogno e il reparto di Malattie infettive del Sacco. La caserma sorge nella mega area da 30 ettari che ingloba anche la caserma Santa Barbara di piazzale Perrucchetti, in zona Forze Armate-Baggio, con una superficie coperta di circa 63mila metri quadrati. Una parte dell’ospedale militare, istituito nel 1931, è stata ristrutturata nelgli anni scorsi per ospitare parte degli archivi del Ministero per i Beni e le attività culturali.

Commenti

commenti

loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.