Cosa fare a Alberobello? Posti, trulli, prezzi, dove dormire

0
75

Un patrimonio dell’umanità in una regione magnifica come la Puglia. I trulli di Alberobello sono un appuntamento irrinunciabile in ogni periodo dell’anno. Vediamo cosa fare a Alberobello in un giorno, partendo ovviamente dall’attrazione principale.

Alberobello mappa dei trulli

Le cose da vedere a Alberobello non mancano e sono tutte vicine tra loro. I trulli sono concentrati in cinque quartieri principali, dichiarati patrimonio dell’Unesco. Si tratta del rione Monti, che è l’area più vasta; il rione Aia Piccola, dove è vietato aprire negozi; casa Pezzola, di fatto un Museo con i 15 manufatti; Casa D’Amore, che fu anche il primo Municipio del paese e la casa museo del Trullo Sovrano, che è famoso per essere l’unico a due piani.

Se volete sapere quanto tempo ci vuole per visitare il paese dei trulli vi diciamo che una giornata intera basta se vogliamo limitarci alla parte più caratteristica. I trulli anche se più sporadicamente si trovano anche nelle campagne.

Alberobello trulli: percorso e costi

Una visita che rispetti non può che partire dal trullo più famoso per diverse ragioni: è stato il primo manufatto a essere dichiarato patrimonio dell’umanità ed è l’unico a due piani. Stiamo parlando del Trullo Sovrano. Ora è un vero e proprio museo addobbato sullo stile degli arredamenti  di inizio Novecento, visitabile all’interno acquistando un biglietto di appena 2 euro (il ridotto costa 50 centesimi in meno).

Il quartiere più caratteristico è il rione Monti, dove c’è la presenza più elevata di trulli. Ha anche un valore storico perchè richiama uno dei monti dove si è combattuto nel primo conflitto mondiale. E’ raggiungibile, arrivando dal Trullo Sovrano, percorrendo a piedi corso Vittorio Emanuele. Durante il tragitto costeggerete a piedi anche la Basilica di Santi Cosma e Damiano. Cose da vedere a Alberobello in una giornata ce ne sono, eccome.

Il paese di Alberobello, almeno in riferimento all’area dove sorgono i trulli, è prettamente turistico. Nel rione Monti, ad esempio, ci sono diversi negozi dove acquistare souvenir, ma anche botteghe storiche dove ammirare gli artigiani all’opera mentre incidono su cuoio, legno e pietra. Molte creazioni vengono fatte in tempo reale e davanti ai vostri occhi, proprio per essere acquistate nel corso della visita. Tra le attrazioni da non dimenticare nel tour c’è anche la chiesa a forma di trullo, dedicata a Sant’Antonio.

Posti dove mangiare ad Alberobello non mancano se cercate qualcosa di economico e tipico. Se durante la visita avete voglia di pranzare, non ci sono problemi visto che lungo il percorso ci sono diversi ristoranti e punti vendita gastronomici dove consumare o comprare cibo tipico da asporto.

Alberobello cosa vedere e dove dormire

Visitare Alberobello di notte è davvero qualcosa di unico. I trulli peraltro sono visitabili anche di sera quando le installazioni e le luminarie conferiscono un’atmosfera magica, garantendo una dose ulteriore di romanticismo alla vostra visita. Non tutto però è visitabile sempre: la parrocchia di Sant’Antonio può essere ammirata gratuitamente fino alla 23, ma il Trullo Sovrano ad esempio chiude tra le 18 o le 19 a seconda dei periodi.

La Scala D’Amore e i Trulli Siamesi sono gli altri punti instagrammabili della vostra visita.  Se volete rendere l’esperienza indimenticabile potreste decidere di dormire in un trullo. Quello di Mimmo è tra i più tipici, ma anche spartani. Altre sistemazioni sono il Puglia e il Trulli Resort. Alberobello dispone di aree di sosta vicine alle attrazioni e convenienti (ticket giornaliero da 3 euro).

Continua a leggere su ExpoCamper

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here