Covid, la scelta della Gran Bretagna sul lockdown invernale

Agli albori dell’autunno, si comincia, giustamente, a parlare di gestione dell’emergenza Covid nei mesi freddi dell’anno, periodo in cui le difese immunitarie sono messe in generale a dura prova dal freddo e c’è anche la necessità di affrontare i picchi influenzali.

Come sottolineato sulle colonne di ANSA, il piano di contenimento Covid della Gran Bretagna, tra le prime aree del mondo a eliminare le restrizioni, vede in primo piano la somministrazione della terza dose di vaccino, a cominciare da anziani e soggetti fragili.

Diversi media hanno anticipato che nei piani del Governo guidato da Boris Johnson non si parlerebbe di lockdown. Secondo i rumors più accreditati – per le certezze è necessario attendere le dichiarazioni ufficiali di Johnson, che deve consultarsi nella giornata di domani con gli esperti di riferimento – si potrebbe arrivare, in caso di situazione problematica, all’utilizzo vincolante della mascherina nei luoghi pubblici e all’aperto.

Ricordiamo che, nel Paese, non è più obbligatorio portarla all’aperto dal 19 luglio 2021. Il suo utilizzo è raccomandato sui trasporti pubblici e nelle aree al chiuso caratterizzate da particolare affollamento. In caso di peggioramento della situazione, si potrebbe arrivare anche al ripristino dell’indicazione dello smartworking. 

Ancora da chiarire, come riportato sempre da ANSA, la questione della quarantena successiva ai viaggi all’estero.

Milano
poche nuvole
22.9 ° C
23.9 °
19.5 °
70 %
2.1kmh
20 %
Sab
23 °
Dom
21 °
Lun
21 °
Mar
22 °
Mer
22 °

Potrebbe interessarti: