Dall’azienda di famiglia all’impero delle scommesse. Chi è Denise Coates

Tra le donne più influenti del Regno Unito, Denise Coates, secondo le stime di Forbes, è anche una delle più ricche, con un patrimonio che sfiora i 10 miliardi di dollari e con un’attività che l’ha portata ad essere l’amministratore delegato più pagato nell’anno 2019.

La Coates, nata a Stoke-on-Trent nel 1967, si è conquistata un posto d’eccellenza nel panorama economico internazionale grazie alla sua attività di fondatrice e CEO di Bet365, una delle maggiori società di scommesse britanniche, e tra le poche ancora a conduzione familiare, nonostante un giro d’affari da record, con un fatturato di 3,3 miliardi di euro e con un costante incremento degli utili.

L’impero di Bet365

Fondato nel 2000 da Denise Coates insieme al fratello John, attualmente insieme a lei azionista di maggioranza del gruppo, Bet365 Group Ltd è una delle società leader dell’online gambling, non solo nel Regno Unito. La visione imprenditoriale della Coates e la sua lungimiranza hanno fatto la differenza, visto che il primo dominio di Bet365.com è stato comprato dalla manager su Ebay, mentre il primo finanziamento di 18 milioni di dollari è stato erogato dalla Royal Bank of Scotland, la quale ha ricevuto il rimborso solo 4 anni dopo. Nel 2013 la società già vantava un profitto aziendale di quasi 190 milioni di dollari, iniziando a farsi strada tra gli operatori più noti agli scommettitori.

Conosciuta anche in Italia, Bet365 è una tra le piattaforme estere con licenza ADM che ha sempre un posto tra i primi 10 operatori di betting legale a distanza, per quanto riguarda la spesa e la raccolta: soltanto a ottobre 2022 ha fatto registrare una quota sulla raccolta del 21,72%, e sulla spesa (ovvero la differenza tra le giocate e le vincite totali) del 9,68%.       Tutti dati tecnici, ma, per avere un’idea, basta pensare che ad ottobre gli italiani hanno speso 132 milioni di euro nelle scommesse online.Bet365 figura anche tra le piattaforme più citate dai siti di comparazione online, ad esempio tra le recensioni di Affidabile.org, quando vengono indicati agli aspiranti scommettitori i migliori bookmaker legali su cui piazzare le proprie puntate sullo sport.

Non si tratta di una casualità: Denise Coates è legata allo sport e alle scommesse da ben prima della nascita di Bet365. La sua famiglia, e in particolare il padre, Peter, era proprietaria di un’agenzia di scommesse, la Provincial Racing, dove l’imprenditrice ha esordito nel settore lavorando come commessa. Non solo: la famiglia è anche proprietaria dello Stoke City, una squadra di calcio della serie B inglese.                                              Non nuova al mondo delle scommesse, la Coates ha però dimostrato qualità imprenditoriali che vanno oltre i semplici trucchi del mestiere imparati nella gestione dell’attività familiare.

Tra ricchezza e impegno sociale

Sebbene nel 2021 abbia guadagnato circa 1 milione di euro al giorno (ovvero 355 milioni nell’arco dell’intero anno) Denise Coates ha dimostrato di essere un’imprenditrice vicina anche alle necessità dei lavoratori. Il suo stipendio da capogiro, pari a 542 milioni di euro nel 2020, è stato tagliato, come quello degli altri membri del vertice della società, che comunque ha tenuto banco anche nel periodo Covid. La stessa Coates ha rassicurato tutti i dipendenti del gruppo, e non ha neanche avuto bisogno di ricorrere al contributo pubblico del governo britannico.

Quanto alla vita privata, e alle attività extra lavorative, l’imprenditrice, che vive in campagna vicino alla natale cittadina Stoke-on-Trent, è madre di cinque figli, di cui quattro sono adottivi. Poco avvezza alla vita mondana, o quantomeno riservata, si sa solo che ama guidare la sua Aston Martin. Qualcosa in più trapela dalle cronache rispetto al suo impegno sociale: la Denise Coates Foundation è un ente benefico in favore della ricerca contro l’Alzheimer e in sostegno degli ospedali, che ha elargito donazioni per oltre 15 milioni di sterline. La famiglia Coates, inoltre, ha donato più di 800mila sterline in favore della GambleAware, per la cura delle dipendenze da gioco, azione che ha suscitato qualche perplessità nell’opinione pubblica. Nonostante ciò, con la sua società, oltre ad essere una delle donne più ricche in Gran Bretagna, è anche una tra le maggiori contribuenti, ma, soprattutto, è una “che si è fatta da sola”, o comunque ha saputo giocare tutte le carte giuste – inclusa la laurea in Econometria – per costruire il suo impero.

 

Milano
foschia
8.1 ° C
9 °
7.3 °
97 %
2.7kmh
75 %
Lun
8 °
Mar
9 °
Mer
8 °
Gio
6 °
Ven
5 °

Potrebbe interessarti: