Donare latte materno, gesto che salva la vita

Il latte materno è l’alimento più prezioso per i bambini appena nati, per questo donarlo a chi ne è privo è davvero un gesto d’amore. Naturalmente ricco di minerali e preziosi nutrienti, il seno umano delle done produce un latte terapeutico che serve al bambino per crescere bene.

Purtroppo ci sono molte madri che, per vari problemi, non riescono ad allattare i loro bambini. Così è nata la donazione latte materno, da parte di quelle mamme che hanno la fortuna di averne in abbondanza.

Raccolta latte materno

Oltre che essere una sofferenza psicologica per la madre, l’impossibilità dell’allattamento è un grave problema per i neonati; soprattutto per quelli prematuri, che hanno particolare bisogno di questo nutriente. Per questo motivo a Milano, alla Clinica Mangiagalli della Fondazione Ca’ Granda Policlinico, esiste la Banca del Latte Umano. Un’iniziativa di grande solidarietà pensata proprio soprattutto per quei bambini nati prematuri, le cui madri non hanno latte per nutrirli.

La Banca del Latte Umano della fondazione Ca’ Granda non è la prima in Italia: ce ne sono già altre attive sul territorio lombardo. Tra queste, una è all’Ospedale San Giuseppe di Milano e l’altra nel Presidio Ospedaliero Macedonio Melloni. Il servizio funziona a domicilio, in maniera pratica e semplice: le neo-mamme che desiderano donare latte materno lo raccolgono direttamente nelle loro case; poi  viene consegnato nella banca del latte materno della struttura ospedaliera.

Il progetto si chiama “Nutrici”, un termine che può essere inteso in una doppia accezione. Il latte materno è uguale per ogni donna; ogni neo mamma che sia in una condizione di buona salute e in fase d’allattamento può donare, senza alcun timore, il proprio latte ad altri bambini. Inoltre più la produzione di latte viene stimolata, più latte viene prodotto, contrariamente a quello che si potrebbe pensare.

Storia del latte per bambini

Come ha sostenuto anche Fabio Mosca, direttore del reparto di Terapia Intensiva Neonatale al Policlinico, “Per un bambino prematuro il latte materno rappresenta un’opportunità in più per sopravvivere”, grazie soprattutto alle difese immunitarie che vi sono contenute e che riduce la possibilità d’insorgenza delle malattie. Non solo: gli effetti benefici del latte materno si vedono anche a distanza di anni, man mano che il bambino cresce, e anche nell’età adulta. Il latte materno riduce il rischio di sviluppare malattie metaboliche, diabete ed ipertensione. Esso rappresenta, in poche parole, la migliore prevenzione che si possa avere.

Negli anni ’70, la diffusione del latte formulato, o latte in polvere, ha fatto pensare che i due metodi fossero interscambiabili. In realtà, per quanto il latte formulato sia comunque un sostituto accettabile in emergenza, non può dare tutto ciò che fa l’allattamento diretto. Ecco perché negli ultimi decenni in tanti si sono mossi per sostenere l’allattamento al seno, o l’alimentazione con latte umano, oil più possibile.

Gestionale banche del latte

Ovviamente tutta la trafila della donazione è controllata e verificata. Quando le mamme si apprestano a donare latte materno, viene eseguito un processo di pastorizzazione latte materno per eliminare eventuali patogeni. Esiste anche un software banche del latte umano, per registare le quantità e le date di consegna, in modo che quello eventualmente troppo vecchio sia eliminato; oppure così da fare  promozione per aumentare le donatrici alla banca latte materno quando ci sono bambini in condizioni di particolare fragilità. 

Milano
foschia
8.1 ° C
9 °
7.3 °
97 %
2.7kmh
75 %
Lun
8 °
Mar
9 °
Mer
8 °
Gio
6 °
Ven
5 °

Potrebbe interessarti: