Emanuele Cerullo, chi è? Poesie, Instagram, Liberato, poesia 9 maggio

Chi è Emanuele Cerullo, poeta di Scampia noto per alcune pubblicazioni. Oltre ad essere un poeta, ormai conosciuto anche all’estero, i più esperti di spettacolo affermano che probabilmente dietro Cerullo si nasconde il noto cantante napoletano Liberato, cantautore attualmente impegnato con la pubblicazione di un nuovo album.

Chi è Emanuele Cerullo?

Parlare di lui non è molto facile. Sappiamo che è un poeta noto in tutta Italia, partito dal quartiere di Scampia, è arrivato al successo nazionale ed internazionale. Tuttavia, molti pensano che lui sia il cantante Liberato, noto nell’ambienta del rap. Nel 2017 esordisce con un singolo chiamato Nove Maggio : il successo del brano è evidente, sia su YouTube che su Spotify. Il suo account Instagram conta più di 350mila like, e viene usato soprattutto per le comunicazioni inerenti ai progetti discografici.

Oggi è tornato con un nuovo singolo del disco Liberato II. Un album ancora ispirato alle storie di Napoli, la sua città natale che celebra nei suoi pezzi. Il genere di riferimento è il rap, ma sono chiare le influnze R’N’B, dance ed elettronica. Per l’artista napoletano la sperimentazione di nuovi umori musicali non finisce mai. D’altronde i suoi pezzi essendo molto dinamici e poco classificabili sono perfetti per i testi rappresentati: poesie eleganti e al contempo forti, che appunto ci fanno collegare il cantautore al poeta Emanuele Cerrullo.

Poesie

Le poesie di Cerullo sono note come detto in Italia. La principale raccolta prende il nome il Ventre di Scampia, una raccolta molto importante del poeta napoletano.

9 maggio

Ecco il testo in napoletano del testo 9 maggio, primo singolo del cantante.

Nove maggio m’hê scurdat’

T’hanno visto ca’ turnavi ‘nziem’ a ‘n’at’

Nun me siente, nun me pienz’

Tengo ‘o core ca’ nun può purtà pacienz’

 

Arape l’uocchie e vir’

Ca’ pe’ trasi’ ‘int’all’anema ce vuo’ ‘nu suspir’

Fa’ ‘nu tir’ tu, je nun m’ fir’

Nun ce pozzo mai penzá a ‘stu fatt’ tu nun me crir’

Arape ‘e mane e vir’Ca’ pe’ caccià ‘na lacrem’ ce vuo’ ‘nu respir’

Fa’ ‘nu tiro tu, je nun m’ fir’

Nun ce pozzo mai penzá a ‘stu fatt’ tu nun m’ crir’

 

Nove maggio m’hê scurdat’

T’hanno visto ca’ turnavi ‘nziem’ a ‘n’at’

Nun me siente, nun me pienz’

Tengo ‘o core ca’ nun può purtà pacienz’

Nove maggio m’hê scurdat’

T’hanno visto ca’ turnavi ‘nziem’ a ‘n’at’

Nun me siente, nun me pienz’

Tengo ‘o core ca’ nun può purtà pacienz’

 

Nove maggio

Nove maggio

 

Nove maggio t’ê scurdat’

T’aggio visto ca’ turnavi ‘nziem’ a ‘n’at’

Nun me siente, nun me pienz’

Tengo ‘o core ca’ nun può purtà pacienz’

Arape l’uocchie e vir’

Ca’ pe’ trasi’ ‘int’all’anema ce vuo’ ‘nu suspir’

Fa’ ‘nu tir’ tu, je nun m’ fir’

Nun ce pozzo mai penzá a ‘stu fatt’ tu nun me crir’

Tu nun me crir’

 

Nove maggio

Nove maggio

 

Nove maggio m’hê lassato

So’ rimasto sott”a bott’, ‘mpressiunato

Nove maggio m’hê lassato

So’ rimasto sott”a bott’, ‘mpressiunato

Nove maggio m’hê sfunnato

So’ rimasto sott”a bott’, ‘mpressiunato

Nove maggio m’hê sciarmato

So’ rimasto sott”a bott’, ‘mpressiunato

Milano
cielo sereno
29 ° C
30.5 °
27.7 °
39 %
2.7kmh
0 %
Lun
28 °
Mar
29 °
Mer
28 °
Gio
28 °
Ven
30 °

Potrebbe interessarti: