Google Meet, funzionalità premium gratis fino al 30 settembre

0
218
Google Meet

Google Meet si aggiorna con nuove funzionalità ed estende a tutti l’utilizzo delle funzionalità premium fino al 30 settembre

Spinto dal boom dello smart working e dell’e-learning imposti dalla pandemia da coronavirus, e approfittando del momento di difficoltà di Zoom Meetings che ha mostrato di essere inadeguato al ruolo per quanto riguarda la sicurezza e la privacy, Google Meet sta oggi avendo il successo che forse meritava il suo antenato, Google Hangouts (oggi disponibile solo per gli utenti business).

Google lo sa e ne sta anche approfittando, cercando di stimolare l’adozione della sua piattaforma per videochiamate e videoconferenze sapendo che il momento giusto è ora: tra qualche settimana molte persone torneranno a lavorare e a vedersi fisicamente. La stessa cosa, va detto, la sta facendo Microsoft con Teams, altra piattaforma esplosa a causa della pandemia. Google ha deciso di coccolare (e attirare) gli utenti offrendo gratis a tutti alcune funzionalità premium presenti nella versione a pagamento di Meet. Non sarà per sempre, ma neanche per poco: fino al 30 settembre 2020.

loading...

Google Meet: nuove funzionalità gratis

La prima funzionalità premium offerta gratuitamente da Google Meet è forse anche quella più richiesta dagli utenti: la possibilità di visualizzare più persone collegate contemporaneamente. Sono 16, adesso, i partecipanti alla videochiamata che possono essere visualizzati in una stessa schermata. Ciò passa da una nuova interfaccia grafica e, come al solito, ha un solo vero e grande limite: la connessione a Internet. Se è buona, per tutti i partecipanti, allora tutti i flussi video verranno gestiti correttamente e in modo fluido. Altrimenti qualche finestrella si bloccherà. Tra le altre funzionalità premium in arrivo ci sono un miglior algoritmo di compressione audio-video per rimuovere i rumori di fondo e alleggerire il flusso dei dati e l’integrazione con Gmail: adesso è infatti possibile lanciare una videochiamata verso uno dei nostri contatti direttamente dal client e-mail.

Google Meet: tra Zoom e Hangouts

Molti vedono la possibilità di visualizzare fino a 16 persone contemporaneamente su Meet come un tentativo di Google di attrarre ex utenti Zoom. Forse lo è, ma in realtà un po’ tutte le piattaforme di questo tipo stanno aggiungendo funzionalità simili. Google Hangouts, che è ormai una piattaforma professionale a pagamento, permette di fare riunioni fino a 250 partecipanti e di registrarle su Google Drive. Questa è una funzionalità prettamente business, per la quale molti sono disposti a pagare, ma già nel 2013 il primo Hangouts (quello gratuito e collegato al defunto social Google+) permetteva di registrare riunioni in diretta sul proprio canale YouTube. Quel che offre oggi Google, quindi, non è altro che ciò che ha sperimentato (fallendo) molti anni fa.

Commenti

commenti

loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.