Il turismo di massa: risorsa (e minaccia)

0
205
Booking.com

I problemi del turismo di massa

Il turismo di massa? Una vera risorsa per l’Italia, un Paese dalle mille bellezze nonchè uno dei più visitati del mondo, ma allo stesso tempo una potenziale minaccia se non viene gestito per il meglio. Per la diversità culturale, ma anche per il pianeta. Basti pensare alla quantità di CO2 che viene emanata con i viaggi: è forse ora di pensare a dei mezzi di spostamento turistici più sostenibili?

Decisamente sì, secondo gli estensori dell’Impatto Ambientale Globale del Turismo 2020, Stefan Gössling e Paul Peeters. Essi ricordano che il “consumo complessivo di risorse del turismo potrebbe crescere tra il 92% (acqua) e il 189% (uso del suolo) nel periodo 2010-2050. Di conseguenza, per mantenere il sistema turistico globale è necessario aumentare rapidamente gli input di risorse, mentre il sistema diventa sempre più vulnerabile alle interruzioni del loro flusso”. 

E in Italia? 

I resort di lusso sono senza dubbio quelli che consumano di più. E oltre alle minacce per l’ambiente, che non sono certo da sottovalutare, “la modellizzazione mostra che per tutti gli aspetti delle risorse studiati, cioè energia ed emissioni, acqua, terra e cibo, l’uso delle risorse correnti raddoppierà entro 25-45 anni”.

Ma in Italia il discorso è ancora più ampio e basta un esempio per capirci: Venezia. Una città come Venezia si regge su un equilibro fragile, di conseguenza servono misure straordinarie per proteggerla dal turismo di massa. Negli ultimi 10 anni, l’Italia ha ospitato un miliardo e 61 milioni di turisti, tanti mordi e fuggi, tanti poco attenti al rispetto. Un discorso da tenere sotto controllo. 

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.