Italia-Germania, partita al cardiopalma, azzurri battuti dopo 18 rigori

0
744
Booking.com

Più che una partita, è sembrata un’odissea. Lo scontro Italia-Germania è stato 90 minuti più supplementari e 18 rigori che hanno fatto saltare i nervi a tutti, giocatori, allenatori, e tifosi. Una rete per ogni squadra, quella azzurra segnata al rigore dato dall’arbitro.
Gli azzurri buoni sulla difesa, i tedeschi decisi a puntare al massimo. I supplementari sono stati minuti in più senza nulla di decisivo, e poi i tanto attesi rigori, che hanno regalato ansia ed emozione. Questa è stata quella che è stata definita la “lotteria dei rigori”, e a buon dire.
Insigne ha fatto gol, Kroos idem, Zaza sbaglia rigore e tira alto, ma quello di Muller viene parato e la situazione si riequilibra.

Barzagli fa gol e Ozil palo, Pellè la lancia fuori fra la delusione generale. Draxel fa gol, il tiro di Bonucci viene parato, quello di Schweinster è alto, Giaccherini fa gol, Hummels idem, Parolo e Draxel gol, gol anche per De Sciglio e per Boateng. L’attesa si fa al cardiopalma, tutto è appeso ad un filo. Fino a che il gol di Darmian viene parato, mentre Hector la mette in rete. Per l’Italia, dopo una partita infinita e vissuta sul filo del rasoio e dei nervi, il sogno europeo è finito. La Germania prosegue. La vittoria, rubata per un gol, non scoraggia gli azzurri: ci vediamo fra due anni, ai mondiali.

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.