Laurea in economia e MBA: che differenza c’è?

0
138
Booking.com

La laurea in economia può essere considerata un passo propedeutico rispetto a un master MBA. La laurea offre competenze di base relative a diverse materie: la finanza e il diritto, per esempio, ma anche la matematica e, più in generale, tutte le tematiche che hanno a che fare con le aziende e l’economia. Ovviamente, un corso di laurea frequentato nel nostro Paese non può che avere un focus italiano; un focus che, per altro, è quasi sempre prettamente teorico. Questo può essere un limite sotto alcuni aspetti, in quanto l’assenza di un approccio pratico rischia di non fornire agli studenti le competenze necessarie per il saper fare. Insomma, studiare sui libri e sulle dispense al fine di affrontare esami scritti o orali potrebbe non essere sufficiente per far fronte al mondo del lavoro con la dovuta preparazione.

Come funziona un MBA

Un MBA come quello che viene proposto da BBS Italia si svolge in lingua inglese, e già questo approccio internazionale offre una marcia in più rispetto alla laurea. Il profilo europeo, se non addirittura mondiale, si coniuga con una prospettiva pratica. Il vero punto di forza di un master di questo tipo, in ogni caso, consiste nella varietà di attività che vengono svolte. Per capire qual è il master più adatto per le proprie esigenze e per le proprie aspettative sono numerosi gli aspetti che è bene tenere in considerazione: in primo luogo il proprio profilo, ma anche le aspirazioni in un raggio di 5 anni, il budget economico a disposizione e la posizione lavorativa che si ricopre al momento.

Perché scegliere un MBA?

In linea di massima, un master MBA può essere considerato come un programma che si focalizza sul management applicato e che è destinato a coloro che ambiscono ad assumere ruoli direzionali nelle aziende. Per altro oggi in Italia 3 manager su 4 sono privi di laurea: è facile capire il motivo per il quale ancora troppe aziende pensano al master come a una minaccia, o comunque un costo, invece di considerarlo una risorsa in grado di garantire un contributo prezioso e concreto.

Come si accede a un MBA?

requisiti per l’accesso a un MBA sono piuttosto restrittivi, e includono un alto GMAT, non inferiore a 67o, e un voto di laurea a sua volta elevato: in linea di massima è preferibile rientrare nel top 10% della classe di laurea di cui si fa parte. Tra gli altri fattori che influiscono sulle possibilità di accesso ci sono l’esperienza imprenditoriale o manageriale di non meno di 3 anni e le referenze, sia in ambito accademico che in campo lavorativo. Per essere ammessi, è indispensabile superare un’intervista nel corso della quale vengono prese in esame le abilità analitiche e logiche, viene valutato il curriculum vitae e si analizzano la vision e la capacità comunicativa del candidato. Da non dimenticare, infine, lo IELTS Academic.

Ovviamente i master MBA si tengono in inglese: questo vuol dire che è necessario non solo saper parlare in questa lingua, ma anche dialogare, ascoltare, leggere testi tecnici, realizzare lavori, interagire con persone provenienti da ogni angolo del pianeta. L’approccio allo studio delle materie è molto diverso da quello che si può avere in università: uno stesso argomento – per esempio la macroeconomica – viene affrontato in maniera decisamente differente nel corso di un master in una business school rispetto a quel che avviene in un corso di laurea. A variare non è solo il taglio, ma anche il piano di lavoro, per un approccio che nel complesso è decisamente innovativo.

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.