fbpx

L’importanza del 7 di Gennaio – STORIA DI BANDIERE

Questo è il giorno della ripartenza. Il giorno del vero inizio del nuovo anno dopo che la Befana appena passata ha o non ha lasciato doni ma ha irrimediabilmente chiuso la finestra che ci collega, attraverso le festività, con l’anno vecchio.

Quest’anno abbiamo rischiato che fosse anche il primo giorno di un America senza democrazia. Avvisaglie poco rassicuranti di una destabilizzazione globale ma, almeno per ora e a quelle latitudini, faticosamente accantonate.

Per ora è passato quel senso di democrazia sospesa che le immagini puntualmente trasmesse da tutti i media ci hanno voluto comunicare fino in fondo all’anima, sconvolgendoci. Per ora il 7 gennaio lo vogliamo ricordare ancora per altri avvenimenti. Forse non così gravi ma altrettanto importanti.

Tutti hanno come comun denominatore la bandiera, che è, al tempo stesso, l’emblema e la dignità a colori di un popolo.

Il primo avvenimento è la creazione della bandiera, il secondo il riconoscimento di una di esse e per terzo il tentativo di distruggere la bandiera altrui.

La prima bandiera italiana

Il 7 gennaio del 1797 nasceva la bandiera italiana a Reggio Emilia con diversi colori ma sulla falsariga di quella francese. Soprattutto nel periodo che stiamo vivendo, ognuno di noi, ha potuto notare quanto abbia contato il nostro simbolo nel ritrovarsi vicini e uniti pur essendo confinati obbligatoriamente in casa.

Il 7 gennaio del 1959 gli Stati Uniti riconobbero Cuba e la sua Bandiera, intesa come simbolo e come nuova realtà politica. Questo fu un grande passo della democrazia: rispetto, anche senza condivisione, delle idee degli altri. Ancora di più se questi sono i nostri vicini di casa e vorremmo che parlassero la nostra stessa lingua politica. E solo quella!

Il 7 gennaio 2015 ci fu invece un avvenimento esattamente opposto. Con l’attacco a Charlie Hebdo una parte dei musulmani ancora una volta volevano cancellare la bandiera occidentale in quanto emblema di infedeli. Certamente sotto l’apparenza di una guerra di religione ci sono ben altri e profondi motivi, che non possiamo e vogliamo, esaminare in poche righe.

Ma direi che il 7 gennaio, come nessun altro, è il giorno delle bandiere. Nel crearle, nel riconoscerle e nel distruggerle.

Commenti

commenti

Leggi le news di Giornale Notizie su Google News

Potrebbe interessarti:

Offerte Amazon

Commenti

commenti