Quando è obbligatoria la visita del medico competente?

0
694

Il medico competente del lavoro è una figura professionale, riferita appunto alla medicina del lavoro che, in base ad alcuni requisiti indicati dall’art.38 del D.Lgs 81/08, collabora direttamente con il datore di lavoro per garantire gli standard sanitari da mantenere presso il luogo di lavoro, la valutazione di eventuali rischi presenti e futuri ed infine la sorveglianza sanitaria degli stessi lavoratori. In alcuni casi è obbligatorio per una azienda avere un medico competente che viene nominato dal datore di lavoro (da non confondere con il medico che viene assegnato per le visite fiscali in caso di malattia-infortunio).

È di fatto l’Art. 41 comma 1 del D.Lvo 81/08 modificato dal 106/09 a stabilire quando presso un’attività lavorativa è necessario attivare la sorveglianza sanitaria e quali possano essere le casistiche di rischio a cui anche i lavoratori possono andare incontro. Nella fattispecie si parla di attività in cui si effettuano movimentazioni manuale di carichi, attività ad unità di videoterminale che superi le 20 ore settimanali, esposizione ad agenti fisici come rumori elevati, ultrasuoni, vibrazioni meccaniche, campi elettromagnetici, radiazioni, ma anche esposizioni ad agenti chimici e biologici che possono risultare pericolosi per la salute.

loading...

Il medico competente del lavoro ha anche il compito di effettuare la sorveglianza sanitaria obbligatoriamente, anche per tutte quelle attività che prevedono lavoro notturno, radiazioni, lavori all’interno di cassoni ad aria compressa, lavori su impianti elettrici ad alta tensione. È sempre compito del medico competente verificare i requisiti psico-fisici per il personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico, verificare l’esclusione nell’assunzione di sostanze stupefacenti e controllare i addetti ai settori sanitari esposti ad infortuni da ferite da taglio e o da punta.

Sia il datore di lavoro che il medico competente sono soggetti ad ammende e sanzioni in caso di mancanzze o non rispetto degli obblighi. Ad esempio il medico che non segue tutte le norme per la valutazione dei rischi può subire multe fino a 1.600 e 3 mesi di arresto. La mancanza di scrittura e conservazione delle schede sanitarie invece prevedere multe dai 200 a 800 euro, che possono salire da 300 a 1.200 in caso di mancanza della sorveglianza sanitaria (punita anche con l’arresto fino a 2 mesi). È prevista infine una pena pecuniaria dai 1.000 ai 4.000 euro in caso di mancanza di periodicità nelle visite ai lavoratori o di negligenza nelle comunicazioni alle autorità competenti.

 

Commenti

commenti

loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.