Offrono cocaina ai poliziotti, ma poi vendono loro palline di carta

0
313
Booking.com

Hanno visto quei due uomini e li hanno avvicinati, convinti – sbagliando – che sarebbero stati buoni clienti. Ma alla fine, nonostante tutto, sono riusciti in qualche modo a salvarsi.

Due ragazzi – uno cittadino algerino e l’altro tunisino, entrambi irregolari in Italia – sono stati denunciati dalla polizia per reati in materia di immigrazione. I due, mentre i poliziotti erano impegnati in un servizio di prevenzione e controllo in stazione, hanno “abbordato” due agenti in borghese offrendo loro alcuni grammi di cocaina. I “pusher”, per convincere i potenziali clienti, hanno mostrato due palline che tenevano nascoste in bocca e, a quel punto, sono stati ammanettati.

Una volta in Questura, però, i poliziotti hanno scoperto che la droga in realtà era semplicemente carta, appallottolata, pressata e termosaldata per renderla quanto più possibile simile alle dosi di cocaina. Così, i due – che hanno precedenti per rapina e spaccio – sono stati soltanto denunciati a piede libero.

Non è la prima volta, fanno sapere da via Fatebenefratelli, che i pusher vengono sorpresi a vendere palline di carta spacciandole per cocaina: un trucco, questo, che consente loro di fare soldi facili e, in caso di controlli, di evitare le manette.

Soltanto pochi giorni prima, nel pomeriggio di sabato, Vittorio Brumotti era stato aggredito da alcuni pusher proprio fuori dalla Centrale. L’inviato di “Striscia la Notizia” era lì per documentare lo spaccio nella zona di piazza Duca d’Aosta ed evidentemente la sua presenza non era piaciuta a tutti. 

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.