ONU: l’inquinamento uccide 234 volte più delle guerre

Non è solo l’Onu a lanciare l’allarme, e non solo da oggi; che l’inquinamento fosse una vera piaga per il pianeta, questo era già ampiamente risaputo. Ma che uccidesse addirittura più dei conflitti, questa è una notizia scioccante. Sono i dati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite a fare la fotografia della situazione; addirittura si calcola che ogni 5 secoondi una persona muoia proprio a causa dell’inquinamento.

I numeri forniti dalla sede Onu

L’inquinamento uccide almeno 234 volte più dei conflitti, questo è il quello che emerge da uno studio presentato qualche anno fa in occasione dell’Assemblea delle Nazioni Unite per l’Ambiente, della quale fanno parte 170 Paesi membri Onu.

I numeri sono da catastrofe: solamente nel 2012, anno preso in considerazione dalla ricerca, i morti prematuri per inquinamento e condizioni dell’ambiente pessime sono stati 12,6 milioni in tutto il mondo, vale a dire il 23% delle morti precoci a livello internazionale.

Zone più inquinate: le nazioni unite lanciano l’allarme

I Paesi dove si muore di più a causa dell’inquinamento sono quelli dell’Asia sud orientale, seguiti da quelli del Pacifico Occidentale, e poi dell’Africa del Sahara.
Nel continente americano l’11% della percentuale dei morti è per inquinamento, ma si sale al 15% se si considerano i Paesi facenti parte dell’OCSE.

In Europa non siamo messi molto meglio sotto questo punto di vista: anche qui la percentuale delle morti per inquinamento tocca il 15%. 
Ma a morire per le conseguenze dirette dell’opera inquinante dell’uomo sono 7 milioni di persone all’anno, alle quali bisogna aggiungere poi almeno 842mila morti a causa dell’assenza d’acqua potabile. L’esposizione all’amianto causa inoltre più di 100mila morti, quella al piombo almeno 645mila.
Non solo, i disastri della natura a partire dal 1995 ad oggi hanno colpito più di 4 miliardi di persone, uccidendone almeno 606mila.

L’inquinamento, quindi, è un fattore disastroso non solamente per il mondo, ma anche per la specie umana. I Paesi Onu non sono chiamati a occuparsi solo di pace e sicurezza,ma anche della protezione dell’ambiente.
Nonostante i piccoli passi che sono stati fatti per la riduzione del buco dell’ozono e per l’eliminazione delle sostanze inquinanti dalla benzina (fattori che hanno causato una riduzione del cancro alla pelle e delle morti da avvelenamento). Onu Stati membri e le altre nazioni hanno ancora molto lavoro da fare per rendere la Terra un luogo sicuro sul quale stare, per l’ambiente e per tutti gli uomini.

Storia Onu

La nascita Onu è avvenuta il 24 ottobre 1945 a San Francisco, quando gli Stati del mondo uscivano da un secondo conflitto globale e si organizzavano per mantenere la pace. Non a caso il simbolo Onu è composto da rami di ulivo intrecciati.

La sede Onu ufficiale è a New York, mentre la sede Onu Italia è a Roma. Come recita l’articolo 7 della Carta Onu,  i membri permanenti Onu sono 15: 5 fissi (Cina, Stati Uniti Francia, Russia, Regno Unito) e 10 eletti ogni due anni dall’asselmblea generale.

Per informazioni sull’Onu sito ufficiale in inglese è https://www.un.org/

Milano
poche nuvole
21.3 ° C
22.2 °
19.1 °
54 %
3.6kmh
20 %
Mar
29 °
Mer
29 °
Gio
27 °
Ven
30 °
Sab
20 °

Potrebbe interessarti: