Pagamenti online, cambia tutto: ecco cosa

0
229

Dal 14 settembre 

Novità in vista sul fronte dei pagamenti online e sulle banche, da settembre sono in vigore nuove regole che sono volte a rafforzare i controlli e la sicurezza dei pagamenti telematici. Addio a bonifici fatti con lo smartphone, benvenuti a nuovi sistemi di doppia autenticazione per proteggere gli utenti al meglio. 

Dal 14 settembre scatta quella che è stata definita una vera e propria rivoluzione dei pagamenti fatti sul web. La causa del cambiamento è l’entrata in vigore di una direttiva europea dedicata ai servizi di pagamento digitali, la c.d. PSD2 che ora dispone nuove regole rafforzate per la sicurezza per i sistemi di home banking e di accesso ai portali di banche. 

loading...

Che cosa cambia? 

Come ha spiegato all’Adnkronos Maurizio Pimpinella, presidente dell’APSP, Associazione Prestatori di Servizi di Pagamento, la novità consiste in primo luogo nella “necessità di un doppio fattore indipendente di autenticazione (pin più codice usa e getta) e la possibilità di compiere una sola operazione per password generata sono i principali cambiamenti destinati a incidere sulla vita quotidiana dei cittadini”. Si tratta della c.d. “Strong Customer Authentication”, meccanismo posto a tutela del cliente.

“Questa procedura impone alle banche di verificare l’identità dell’utente e l’autenticità delle operazioni di pagamento attraverso l’utilizzo di due o più fattori tra loro indipendenti che facciano riferimento alle categorie della ‘conoscenza’ (qualcosa che solo l’utente conosce, ad esempio il pin), del ‘possesso’ (qualcosa che solo l’utente possiede, ad esempio l’OTP, one time password, generata dal proprio cellulare) e dell’inerenzà (qualcosa che solo l’utente è, ad esempio l’impronta digitale). In sostanza all’utente viene richiesto un doppio fattore di autenticazione per accedere al proprio conto ed effettuare i pagamenti” prosegue Pimpinella. Poi, l’home banking. “Con la PSD2, per la prima volta, soggetti terzi possono essere autorizzati dai singoli utenti ad accedere al proprio conto al fine di offrire nuovi strumenti e servizi volti ad agevolare l’esperienza di home banking”. 

Commenti

commenti

loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.