Partenza e Restanza il tema della X Edizione del Festival Dell’Erranza

Nella cittadina del Medio Volturno,  Piedimonte Matese, in provincia di Caserta, sta per prendere il via la decima Edizione del Festival dell’Erranza. Una manifestazione che si svolgerà, precisamente, nei giorni 16 e 17 settembre 2022 e rappresenterà una due giorni fatta di incontri tra personaggi di spicco di ambiti diversi, come scrittori, giornalisti, saggisti, critici. Lo scopo delle riflessioni su cui tali figure sono chiamate a dare la propria opinione hanno come tema portante la “partenza e la restanza”, un binomio che spinge le persone a vivere il viaggio, fatto esclusivamente con la forza del pensiero, come l’unico modo per dirigersi verso nuovi progetti di vita.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

“Migrare attraverso la propria mente”

La direzione artistica della X edizione del Festival dell’Erranza è stata affidata a Roberto Perrotti e nell’annunciare il programma della manifestazione ha voluto riflettere usando le parole: “chi lega il proprio corpo a un luogo di solito migra attraverso la propria mente”. Cosa significare migrare con la propria mente? Sono stati chiamati a rispondere a questa domanda una kermesse di ospiti illustri che il direttore artistico ha voluto come compagni di questo viaggio nell’errare “negli spazi invisibili del margine”. Sul palco insieme a Perrotti ci saranno storici, (Adriana Valerio, Marco Ravelli) saggisti (Annalisa Mazzola, Antonella Tarpino) scrittori e scrittrici (Mahmoud Hasan al-Jasim, Elisa Ruotolo, Mariolina Venezia)  antropologi, giornalisti, avvocati e critici d’arte(Vito Teti, Gianni Vernetti,  Domenico Ciruzzi, Massimo Bignardi).

Un antico borgo come sede della manifestazione

È stata scelta come sede per il Festival dell’Erranza 2022 il complesso monumentale di San Domenico, con il bellissimo Chiostro del ‘500 ad esso annesso. Ed è proprio in questo chiostro che la libreria La Feltrinelli di Caserta, in ogni edizione, mette a disposizione degli appassionati del Festival di Piedimonte Matese un banco pieno di libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *