Piattaforme di trading regolamentate: come evitare il rischio di truffe

0
64
Booking.com

Nell’ambito del commercio del forex tramite il trading online, vi sono diverse situazioni rischiose nelle quali un investitore potrebbe incappare: collezionare una serie di informazioni errate, sviluppare un’eccessiva diffidenza nei confronti delle operazioni finanziarie, buttarsi a capofitto in offerte super vantaggiose di intermediari illegali. Il danno più irreparabile si verrebbe a creare nel terzo caso, per questo voglio consigliarti come scegliere le migliori piattaforme di trading regolamentate, attraverso i quali potrai anche apprendere correttamente il funzionamento del trading online e avere assoluta fiducia nelle possibilità di guadagno offerte dai mercati. Per informarsi al meglio sul broker regolamentato adatto alle tue esigenze, consigliamo di esplorare la pagina https://www.tradingcenter.it/piattaforme-trading/ del sito tradingcenter.it.

Che cosa comporta operare con un broker regolamentato?

Un intermediario sottoposto a regolare vigilanza e operante secondo le direttive europee che disciplinano le transazioni nell’ambito dei mercati finanziari, proporrà ai propri clienti una serie di servizi basati sulla tutela dei dati, del capitale e delle negoziazioni del trader.

E’ evidente che investire in sicurezza significa innanzitutto potersi concentrare sui propri obiettivi di guadagno senza altre preoccupazioni se non quella di elaborare un piano strategico volto a trarre profitti dal commercio delle opzioni binarie.

La regolamentazione del trading si basa su due direttive principali. La prima è datata 17/09/2010 ed è, nello specifico, l’atto con cui le opzioni sono state riconosciute come strumento finanziario. In seguito, a questo prodotto è stata estesa la direttiva MiFID (2004/39/EC), con lo scopo di differenziare questo commercio dal gioco d’azzardo e inserirlo a tutti gli effetti nell’ambito delle negoziazioni sui mercati, così come era avvenuto precedentemente per il Forex.

Come riconoscere un intermediario regolamentato?

Voglio partire da un esempio molto banale, ma decisamente efficace. Se io voglio commerciare dei prodotti alimentari in modo legale, devo ottenere diversi permessi, compresi quelli che tutelano i miei clienti nel caso in cui il cibo acquistato dalla mia azienda risultasse avariato, contraffatto o nocivo alla salute. Tali permessi riguarderanno i processi di produzione dei miei prodotti e le condizioni igienico-sanitarie dei miei locali. Una volta ottenuti i permessi necessari, la mia attività sarà controllata dalla finanza o dalle varie ASL incaricate.

Lo stesso avviene per i broker. Se un intermediario soddisfa i requisiti della sopracitata direttiva MiFID, riceverà una licenza e la sua attività sarà vigilata dalle istituzioni incaricate. CySEC e CONSOB sono le autorità più affidabili nell’ambito degli investimenti che si svolgono in Europa e in Italia. Per essere certo di scegliere un broker sottoposto ai controlli delle suddette autorità, potrai recarti sui siti ufficiali delle istituzioni stesse, e consultare l’Albo delle imprese registrate.

 

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.