Prestiti senza garante: la guida del 2020 di Marco Germanotti

0
46
Prestiti senza garante

I prestiti senza garante continuano ad essere le formule di finanziamento più richieste per diversi motivi. Sia perché burocraticamente vi è un processo più veloce (soprattutto per chi necessità di liquidità quasi imminente), sia perché non c’è alcuna responsabilità verso terzi (colui che garantirà per te, debitore).

Il problema riguarda le garanzie che vengono richieste dagli enti di credito e finanziari. Se fosse necessario ricorrere al garante, probabilmente è perché non hai le carte in regola per poter accedere al credito: sei disoccupato? Hai un lavoro precario? O peggio ancora, sei un cattivo pagatore.

loading...

Insieme a Marco Germanotti, responsabile editoriale di prestitiperte.com, blog tra i top del settore prestiti senza busta paga, vedremo come riuscire ad ottenere un finanziamento senza un garante. Quali requisiti sono necessari?

Come ottenere un prestito senza garante? I requisiti

Prima di chiederti come ottenere un prestito senza garante facciamo un recap: cosa si intende per finanziamento senza garante? Quella concessione in termini di credito, da poter erogare senza alcun intermediario che possa prendersi la responsabilità di saldare il debito al posto tuo.

Tale finanziamento rientra tra quelli non finalizzati, ovvero un credito che potrai impiegare a tuo piacimento e che non sia vincolato a servizi o beni specifici (come invece potrebbe essere il credito per comprare un’auto).

Finanziamenti senza garante: quali richiedere?

Ci sono una serie di alternative a cui potrai optare, per far sì che tu possa ottenere il tuo finanziamento pur senza la presenza di un garante. Ti mostreremo una serie di soluzioni, che ti suggeriamo di valutare minuziosamente.

Cessione del quinto dello stipendio o della pensione

Con la cessione del quinto dello stipendio non avrai bisogno di un garante, in quanto la rata mensile per saldare il debito del finanziamento, verrà trattenuta direttamente dalla tua busta paga a fine mese.

Proprio come dice il nome del prestito personale in questione, la rata da rimborsare non potrà essere maggiore del 20% del tuo salario mensile. Per aderire con successo a questa forma di erogazione del credito dovrai:

  • Dimostrare di percepire un reddito mensile come dipendente pubblico o privato, con contratto a tempo indeterminato stipulato almeno 8 mesi prima.

Se invece fossi un pensionato, non dovrai preoccuparti perché potrai dimostrare il cedolino pensionistico.

Finanziamento cambializzato

Un’altra formula per poter ottenere un prestito senza il garante è quello cambializzato. Come dice la parola stessa, dovrai ricorrere alla cambiale, ovvero quel titolo di credito che rimanda il pagamento di una determinata somma di denaro.

Per poter richiedere questo finanziamento dovrai obbligatoriamente possedere un ottimo sistema creditizio (quindi non risultare un cattivo pagatore o peggio ancora un protestato). Ti spetterà qualora fossi un:

  • Dipendente statale;
  • Dipendente pubblico;
  • Libero professionista iscritto all’albo.

Finanziamento delega per dipendenti di aziende private

Il prestito delega anch’esso richiedibile senza la presenza del garante, potrai richiederlo anche qualora risultassi protestato o cattivo pagatore. L’unica condizione imprescindibile è avere un contratto come lavoratore dipendente di un’azienda privata:

SRL, SPA, SAS, Cooperative, SNC e ditte individuali. La cifra massima che potrai ottenere in termini di credito, sarà proporzionale al Trattamento di Fine Rapporto (TFR) che avrai maturato in rapporto 1:1.

Esempio pratico: se fossi riuscito a maturare €15.000 di TFR, quest’ultima sarà il credito massimo che potrai ottenere in termini di prestito. Il rimborso sarà trattenuto dalla busta paga.

Delega di pagamento

Questa tipologia di finanziamento senza garante è un po’ di più particolare. La delega di pagamento ti spetta solo nel caso in cui fossi un lavoratore dipendente con una cessione del quinto in corso e che non disponi dei requisiti per poterlo rinnovare.

Attivandolo, incaricherai il tuo datore di lavoro di trattenere un 20% in più rispetto alla tua retribuzione mensile e versarlo all’istituto di credito che avrà già approvato il prestito. Penserai: un po’ come la cessione del quinto allora.

Esattamente, ma con la differenza che la delega di pagamento non è di tuo diritto, motivo per cui il datore di lavoro sarà libero di rifiutare o accettare, in base a ciò che vorrà fare.

Prestiti senza garante: le nostre opinioni

Come hai potuto annotare, i prestiti senza garante sono ottenibili solamente da chi ha la capacità di poter dimostrare di percepire un reddito mensile (attraverso un documento ufficiale come la busta paga).

Se non disponessi di tali condizioni, difficilmente potrai rinunciare a chiedere aiuto a qualcuno. Il garante solitamente è un terzo soggetto a te vicino (parente o amico), che si assume la responsabilità di saldare il debito al posto tuo, qualora ci fosse una insolvenza.

La difficoltà per richiedere un prestito senza garante è lampante: per accedere gli enti creditizi o le banche, hanno bisogno di una conferma assoluta, senza quest’ultima non potranno erogare il credito da te desiderato.

Hai dubbi o domande? Commenta e valuteremo insieme se potrai accedere al prestito senza garante oppure no.

 

Commenti

commenti

loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.