Quanto guadagna un fisioterapista? Privato, sportivo, in America

Il fisioterapista è un professionista medico-sanitario che pratica la fisioterapia, ovvero una attività di specializzazione paramedica che ha lo scopo di prevenire, curare e riabilitare patologie e disfunzioni della motricità. Lo stipendio di questo specialista si colloca generalmente nella fascia medio-bassa delle professioni sanitarie e ovviamente le entrate possono cambiare significativamente in funzione di alcuni criteri particolari: se lavora come dipendente pubblico o privato o come partita IVA. Leggi di più su Casertaoggi.com

Lo stipendio può variare anche in funzione del grado di specializzazione e dell’ambito lavorativo in cui il fisioterapista svolge la sua attività.

Per ottenere l’abilitazione professionale, il candidato fisioterapista dovrà superare un test di ammissione alla relativa facoltà e successivamente dovrà conseguire la laurea triennale in fisioterapia. Il passo successivo, sarà quello di sostenere un esame di Stato come da legge n.240 del 2010.
Esistono principalmente due modi di svolgere la professione: come liberi professionisti – magari in uno studio privato – o dipendenti. Il professionista abilitato può trovare occupazione nelle palestre, negli ospedali, nei centri di riabilitazione, in cliniche private ed RSA, con compensi orari che partiranno dai 10 euro l’ora.
In Italia, lo stipendio di un fisioterapista che lavora come dipendente di una struttura pubblica o privata oscilla tra i 1100 – 1500 euro al mese.

Quanto guadagna un fisioterapista privato

Un fisioterapista che esercita la propria professione in uno studio privato o a domicilio può arrivare a percepire un compenso mensile tra i 2000 e 2500 euro. Il volume d’affari, con partita iva, ovviamente dipende dalla quantità di clienti che gestisce, nonché dal tipo di terapie offerte e dal livello di specializzazione.
Per verificare l’effettivo guadagno, il fisioterapista che lavora in proprio come libero professionista, dovrà mettere sul piatto della bilancia anche le numerose “uscite” economiche: il suo compenso, infatti, sarà gravato da una serie di oneri fiscali e di spese relative alle attrezzature, e alla retribuzione di eventuali collaboratori aggiunti. Lo stipendio di un fisioterapista esperto con uno studio ben avviato e un grosso pacchetto clienti, può salire a 3000 – 5000 euro al mese.

Il compenso del fisioterapista sportivo

Nel mondo dello sport, la figura professionale del fisioterapista è molto richiesta, proprio per le sue competenze riabilitative delle funzioni motorie che per sportivi ed atleti sono essenziali!

I fisioterapisti più pagati in Italia sono generalmente quelli che lavorano come professionisti dello sport alle dipendenze delle squadre di calcio. In questo ambito, un fisioterapista sportivo arriva a guadagnare anche 2.000 euro. Tale cifra viene applicata generalmente anche da società sportive di atletica o di altri sport di squadra.

E in America, qual è il trattamento economico di un fisioterapista?

Ma se si scavalcano i confini nazionali o addirittura continentali, quanto guadagna un fisioterapista? Stando ai rilevamenti dell’agenzia governativa americana Bureau of Labor Statistics, in America il reddito medio annuo per i terapisti, negli ultimi anni si aggira intorno agli 80.000 dollari.

Milano
poche nuvole
28.7 ° C
30 °
25.7 °
43 %
2.1kmh
20 %
Lun
27 °
Mar
29 °
Mer
28 °
Gio
28 °
Ven
30 °

Potrebbe interessarti: