Quanto guadagna un prete? Al mese, all’anno, di culto cattolico

Esiste davvero un compenso per i sacerdoti? Se si, a quanto ammonta lo stipendio preti, o anche lo stipendio del papa, o li stipendio cardinale. Chi li paga?

Di seguito, ecco alcune risposte alle domande sui riconoscimenti economici dei religicosi, che spesso molti si fanno.

Stipendio parroco: a quanto ammonta

Bisogna subito precisare che si, in sacerdote percepisce uno stipendio. Si tratta di una figura, come altre della Chiesa cattolica, che non sono solo esponenti del culto cattolico, ma hanno anche una valenza sociale anche se non tutti li associano a dei “professionisti” con uno stipendio fisso.

Quanto guadagna un sacerdote: innanzitutto, i preti hanno la possibilità di godere di vitto e alloggio nella casa parrocchiale nella quale vive ed effettua il suo mandato. Ma ovviamente non è solo questo il vantaggio economico di cui godono. Un prete guadagna più o meno quanto un operario al mese. A tal fine prima di sapere l’importo esatto della mensilità, è necessario fare una distinzione fra “prete” e “parroco”: i semplici preti guadagnano circa 1000 euro al mese, mentre i parroci ne guadagnano 1200. Il leggero aumento dello stipendio prete, però, non dipende solo dalla carica, ma anche dall’anzianità. I frati e le suore invece non percepiscono alcun compenso ma solo il vitto e l’alloggio nei conventi degli ordini religiosi cui appartengono.

Quanto guadagnano Vescovi e Cardinali

Prima di vedere qual è il compenso economico di questi alti prelati, cerchiamo di capire qual è la differenza tra vescovo e cardinale. Il primo regge una diocesi o arcidiocesi, il secondo invece è il vescovo al quale spetta il compito di eleggere il Papa.

Differenza tra vescovo e arcivescovo: l’arcivescovo è il vescovo della diocesi più grande ed importante: carica che può essere attribuita anche come onorificenza.

Lo stipendio dei vescovi può arrivare fino a 3000 euro mensili (per un arcivescovo militare diventano 9000 euro al mese). I cardinali, invece, guadagnano in media 5000 euro al mese.

I cardinali hanno anche funzioni politiche e quindi maturano il diritto a gettoni di presenza per le attività legislative, o consultive dello Stato Vaticano. I cardinali, detti anche monsignori, che fanno parte dei direttivi e delle commissioni politiche devono onorare anche impegni come partecipare ad assemblee, riunioni e commissioni.
Stipendio Papa Francesco: Papa Francesco ha rinunciato a uno stipendio fisso. Ha dato un esempio che sperava fosse seguito dalle altre alte gerarchie ecclesiastiche.
Quanto guadagna il papa:  Prima di Bergoglio, i predecessori percepivano 2.500 euro di mensilità. 

Chi paga stipendi e pensioni agli ecclesiastici

L’ente che provvede ad erogare gli stipendi degli ecclesiastici è l’ICSC (Istituto centrale di sostentamento del clero), collegato alla CEI. L’Istituto amministra direttamente gli stipendi di tutti i dipendenti religiosi. Gli ecclesiastici devono compilare il modulo P01 che indica le attività svolte.
Per quanto riguarda le pensioni dei preti, c’è il fondo pensionistico “Fondo del Clero” gestito dall’Inps. La pensione minima che possono percepire gli appartenenti ai gradi più bassi della gerarchia ecclesiastica (prete semplice) è equivalente ad una pensione sociale, che ammonta quindi a poco meno di 500 euro mensili.
Milano
nubi sparse
24.1 ° C
25.1 °
20.4 °
38 %
1.8kmh
59 %
Lun
23 °
Mar
29 °
Mer
29 °
Gio
27 °
Ven
30 °

Potrebbe interessarti: