Rissa al battesimo, spari e feriti

0
899
Booking.com

Tutto per uno scherzo fatto al nonno, al quale hanno sfilato la sedia durante i festeggiamenti per un battesimo. Una goliardata, in fondo, che però è costata carissima: si è arrivati al tentato omicidio.

Da quell’episodio, tra le due famiglie del Sud riunitesi a Vigevano per celebrare il loro erede neo battezzato, la tensione è salita al punto da lasciare un 31enne in fin di vita, salvato solo per un soffio dai medici in sala operatoria. È successo alla fine di aprile, ma solo nei giorni scorsi i carabinieri di Abbiategrasso sono riusciti ad arrestare il responsabile, Francesco S., 40enne di origini calabresi, raggiunto da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale di Pavia con l’accusa di tentato omicidio.

Il primo «round» tra le due famiglie, i parenti del ramo materno e di quello paterno del piccolo battezzato, è avvenuto dopo lo scherzo al nonno durante il ricevimento in un agriturismo di Vigevano. Gli uomini delle due famiglie si sono azzuffati fra loro, separati a fatica. Il secondo atto è andato in scena la sera stessa, nei cortili delle case popolari di Abbiategrasso, quando un esponente delle due fazioni (di origini siciliane e lucane) si presenta sotto le abitazioni dei rivali imbracciando un fucile e sparando due colpi in aria a scopo intimidatorio. Anche in quella occasione volano parole grosse.

Ma il fatto più grave avviene due ore dopo, quando il 40enne, convivente di una zia materna del piccolo, aggredisce il 31enne della fazione opposta, Giuseppe B., conficcandogli un coltello nell’inguine. L’uomo rischia la vita, perché la lama gli lambisce l’arteria femorale. Grandi difficoltà dei carabinieri per ricostruire l’accaduto, a causa dell’omertà da parte dei membri di entrambe le famiglie coinvolte.

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.