Salvini taglia le scorte: “Solo a chi davvero rischia”

0
196
Booking.com

Meno 49 scorte nel 2019

Stretta del ministro dell’Interno Matteo Salvini sulle scorte pagate ai contribuenti a politici ed altri personaggi. Salvini ha annunciato un provvedimento che mira a ‘razionalizzare le misure di protezione’ tagliando la scorta a chi ‘non ne ha bisogno’. 

Nell’ultimo anno 49 persone hanno perso la scorta, una diminuzione del 9% ha riguardato anche gli agenti che vengono utilizzati per questo servizio 

“Razionalizzare il servizio” 

Il Viminale, in una nota, ha annunciato di essersi preparato a “fornire criteri più stringenti per un’analisi rigorosa delle situazioni che richiedono le tutele personali”. 

Lo scopo? Quello di “razionalizzare le misure di protezione esistenti” tagliando la scorta a chi, secondo i nuovi criteri che non sono ancora noti, non ne avrebbe bisogno. La direttiva mira a “rendere più efficiente il servizio sia per personale impiegato che per risorse utilizzate”. Salvini ha spiegato che la misura serve a mettere a disposizione dei cittadini tutti gli agenti di polizia che attualmente sono impegnati in scorte ‘superflue’.

“Siamo impegnati per garantire la massima tutela per chi è davvero a rischio ma siamo determinati a recuperare centinaia di donne e uomini delle forze dell’ordine per assicurare la sicurezza a tutti gli altri cittadini” comunica Salvini. Nelle forze dell’ordine usate per le scorte “vengono impiegate 2.015 le unità delle forze di polizia” comunicano dal Viminale. “Si tratta di atti amministrativi e non politici” commentano dal Ministero dell’Interno, prevenendo le polemiche. 

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.