Turismo+Cultura, nasce brand Sulcis 

0
159

Un accordo turistico per la Sardegna

Un accordo unico fra diversi comuni della regione del Sulcis, in Sardegna, per gestire assieme le immense ricchezze turistiche e culturali e per fare rete comune per il turismo: questo è il neonato brand Sulcis. 

A mettersi assieme i sindaci di Carbonia, Tratalias e Villaperuccio – Paola Massidda, Marco Piras e Antonello Pirosu che hanno firmato l’accordo per la gestione integrata di tutte le ricchezze e bellezze culturali dei loro Paesi. 

loading...

“Con questo protocollo diamo vita a un sistema unitario capace di dare nuova linfa alle economie locali sotto il profilo culturale, museale e turistico, garantendo lo sviluppo sostenibile delle comunità, rafforzando l’offerta con percorsi tematici legati alla cultura identitaria, ma anche all’artigianato e all’enogastronomia” comunica Paola Massidda, sindaca di Carbonia, fra le prime ad aderire. Si tratta del “Primo passo per allargare la rete ad altri territori per riuscire a creare un unico marchio: il brand Sulcis”. 

Enoturismo e cultura 

Al contempo, le località spingono sulle tradizioni locali. Ad esempio sull’enoturismo, come spiegato da l’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa durante un incontro svoltosi con 70 aziende sarde che si occupano di vino. “In Sardegna, terra di eccellenze, l’enoturismo deve essere valorizzato, rappresentando un’importante risorsa anche per una destagionalizzazione dei flussi turistici. Vino e turismo rappresentano un binomio vincente, ricco di cultura e tradizione, un modello che partendo dalla storie della produzione, passa anche per l’accoglienza all’interno delle cantine, valorizzando l’ambiente ed il territorio di riferimento. Ovviamente, saranno indispensabili eventi di qualità organizzati per catalizzare l’attenzione del turista. Anche in questo campo, l’attenzione dell’Assessorato si focalizzerà su formazione, accoglienza e marketing, pilastri fondamentali per una crescita reale ed un concreto salto di qualità” commenta l’assessore Gianni Chessa. 

Commenti

commenti

loading...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.