Uva: origine, controindicazioni, le migliori ricette

Se dovessimo associare un alimento ad ogni stagione, non ci sarebbe ombra di dubbio che l’uva ben rappresenterebbe l’autunno. Questo piccolo frutto di colore chiaro o bluastro, infatti, rappresenta uno degli alimenti più consumati e utilizzati in cucina per la preparazione di ricette dolci e salate.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

Il frutto dal sapore dolce e pieno di mille sfumature trova origine da due differenti colture: la Vitis vinifera, di origine europea e la Vitis labrusca, pianta nordamericana. La pianta, dalla quale non solo otteniamo la freschissima uva, ma anche del gustoso vino, vanta origini antichissime: la prima coltivazione di Vitis vinifera pare fosse stata gestita in Asia ben 8mila anni fa.

Uva proprietà e controindicazioni

Il frutto della vite, nella sua versione fresca o disidratata (uvetta, meglio nota come uva passa) viene spesso accusato di essere ipercalorico. Tale affermazione è inesatta, almeno in parte: se 100 g di uvetta può, infatti, fornire ben 300 calorie, le calorie dell’uva fresca scendono a 64.

L’uva, inoltre, pur essendo zuccherina, non incide in maniera particolarmente negativa sull’indice glicemico, a patto però di non soffrire di diabete. I benefici dell’uva sono diversi: l’uva è lassativa e vanta proprietà deuprative importanti. Ogni acino, inoltre, fornisce all’organismo ingenti quantità di ferro, acido folico, vitamine e polifenoli.

Un grappolo d’uva nera o bianca è una piccola miniera di virtù e nutrienti; non mancano, tuttavia, gli affetti avversi. Il frutto, in tutte le sue varietà e nuances, oltre ad essere sconsigliato ai diabetici può rivelarsi pericoloso per le persone affette da disturbi gastrointestinali, quali: colite, patologie gastroenteriche, ulcere gastriche.

La presenza di fibre, infatti, potrebbe infiammare le parenti dello stomaco e dell’intestino, causando diversi fastidi.

Le migliori ricette con uva

L’uva, in tutte le sue varietà, è ingrediente principe di piatti dolci e salati.

Spesso si aggiunge qualche acino a maxi insalatone a base di lattuga, noci e altri prodotti freschi; alcuni, invece, aggiungono dell’uva alla consueta porzione di cereali da assumere a colazione, assieme al latte, per un risveglio sprint.

Se amate mangiare uva in diverse preparazioni, ecco alcune delle ricette più note che vedono il frutto autunnale protagonista assoluto.

Pane all’uva fragola

L’uva fragola è una delle varietà di frutto più amate e utilizzate in dolciaria grazie al sapore avvolgente e delizioso. I piccoli, teneri acini sono protagonisti della ricetta del pane dolce, croccante fuori e soffice dentro.

Risotto all’uva

Per realizzare un primo piatto dal sapore insolito e avvolgente al contempo, viene prediletta la varietà rosata. Si consiglia, inoltre, di abbinarla al riso Carnaroli.

Insalatona di rucola

Per smorzare il sapore forte della rucola è possibile aggiungere alla verdura dell’uva bianca, nocciole e del morbido formaggio caprino fresco.

Pasta al ragù vegetale

Abbinamento molto particolare, consigliato a chi ama sperimentare in cucina, stravolgendo pietanze dalle origini tanto forti quanto “scontate”. Al posto del classico ragù di carne, il soffritto a base di sedano, carote e cipolla e il pomodoro sposano le proprie virtù a quelle della “super” uva passa.

Barrette proteiche fatte in casa

Ottime per la palestra, ma anche per uno snack sano fuori pasto. Uva, fiocchi d’avena, mirtilli, miele: pochi ingredienti per uno spezza-fame sano e goloso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *