Via della Seta, ecco perché è vantaggiosa per l’Italia

0
32

Via della seta, vantaggi per l’Italia

Se ne è parlato tanto in questi giorni, dopo la visita di Xi Jinping, presidente cinese, in Italia. Parliamo della via della seta, un ambizioso progetto commerciale che coinvolge l’Italia collegandola con la Cina. Durante la visita, in Italia si è firmato il memorandum of understanding, la base dell’accordo commerciale che connetterà Cina ed Europa. 

Un accordo celebrato, ovviamente, anche dalla stampa cinese. Il Renimin Ribao, organo ufficiale del governo cinese, ricorda che “L’Italia ha un ruolo storicamente importante nell’antica Via della Seta”. 

“L’abbondanza di porti e l’eccezionale collocazione geografica nel cuore del Mediterraneo rendono l’Italia un partner naturale da coinvolgere per la promozione della Belt and Road” comunica il giornale. 

I vantaggi per l’Italia

Ma quali sono i vantaggi della novella via della seta per l’Italia? Innanzitutto, rivolgersi ad un partner commerciale diverso dagli Stati Uniti e dall’Europa, certamente poco vantaggiosi per l’Italia, che è il quinto partner commerciale di Pechino. Gli accordi potrebbero aumentare il volume dell’export con vantaggi per le piccole medie imprese (che formano la maggioranza del tessuto economico italiano).

In particolare, andranno ad aiutare i progetti infrastrutturali come strade e ferrovie, e il mercato dell’energia rinnovabile e finanziario. I rapporti con la Cina miglioreranno anche in termini di afflusso turistico, specialmente nelle città del Sud Italia che Xi Jinping ha lodato durante la sua visita (si pensi a Roma e Palermo). 

In tutto ciò, non si dimentichi l’aspetto geopolitico: l’accordo della Cina comporta per quest’ultima un significato politico e simbolico enorme, quello di riuscire a conquistare l’Occidente facendone un partner economico e lasciando in disparte per la prima volta gli Stati Uniti d’America. L’adesione dell’Italia al memorandum quindi ha un forte impatto economico (futuro) e simbolico e politico (attuale) che pone ancora una volta la Cina fra i Paesi emergenti più importanti e che forse aiuterà l’Italia a smarcarsi dal protettorato statunitense. 

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.