Visita al Monastero dei Benedettini a Catania, 26 febbraio 2021

Aperte le visite al Monastero dei Benedettini a Catania

Venerdì 26 febbraio 2021 è in programma la visita guidata al Monastero dei Benedettini a Catania, alle ore 16:00. Grazie all’intervento di recupero dell’architetto Giancarlo De Carlo, i visitatori faranno un vero e proprio viaggio nella storia, che partirà dal 1558, fino ad arrivare ai giorni nostri.  

Si ricorda che per prendere parte all’evento è necessaria la prenotazione chiamando ai numeri: 0957102767 o 3349242464, oppure scrivendo all’indirizzo mail: info@officineculturali.net

Costo della visita

5 euro

N.B. è garantita la sicurezza di tutti i partecipanti grazie al distanziamento sociale. Tutti dovranno indossare la mascherina.

Monastero dei Benedettini (Catania)

Il Monastero di San Nicolò l’Arena è un complesso ecclesiastico del centro storico di Catania, situato in piazza Dante, costituito da un importante edificio monastico benedettino e da una monumentale chiesa settecentesca. 

Fu fondato da monaci provenienti dall’omonimo monastero situato nei pressi di Nicolosi. Questi, a metà del XVI secolo, chiesero al senato cittadino l’autorizzazione a edificare entro le mura, poiché minacciati dalle eruzioni dell’Etna e dalla presenza di briganti. Data la superficie occupata, circa 210 x 130 m., è ritenuto per estensione il secondo monastero benedettino più grande d’Europa (secondo solo al Monastero di Mafra in Portogallo). 

Il monastero fu dichiarato monumento nazionale con regio decreto del 15 agosto 1869. Nel 2002 viene inserito nell’elenco del patrimonio mondiale dell’UNESCO come “gioiello del tardo-barocco siciliano”.

Tutte le cinque sale del ex-museo contengono libri e tre di esse sono destinate alla consultazione, lettura, direzione. Il refettorio piccolo è di forma ovale e sormontato da un’alta volta adorna di stucchi. Ma l’ambiente certamente più grandioso è la vasta sala della biblioteca, detta Sala Vaccarini, in onore del suo architetto. Rettangolare, su due piani, rischiarata da grandi finestre ovali, con le alte scaffalature e il ballatoio in legno scolpito, il pavimento in maiolica di Vietri e la volta affrescata da Giovanni Battista Piparo con il trionfo delle scienze, delle arti e delle virtù. La Sala è rimasta immutata dal Settecento anche nella disposizione dei volumi, divisi per facoltà. 

Milano
nubi sparse
3.8 ° C
5.6 °
2 °
93 %
1kmh
75 %
Lun
12 °
Mar
12 °
Mer
14 °
Gio
13 °
Ven
13 °

Potrebbe interessarti: