Come risparmiare su benzina e diesel

Consumare meno benzina al volante è un comportamento utile a tutti: fa bene al portafoglio ma anche all’aria che respiriamo. Il settore dei trasporti è uno dei maggiori responsabili del cambiamento climatico, quindi perché aspettare? Ecco le cose che puoi fare ogni giorno per consumare meno carburante.

Leggi anche: [wp-rss-aggregator feeds="gossip-largomento-quotidiano"]

Lo stile di guida è molto importante per evitare gli sprechi di benzina. Prima di tutto è inutile far riscaldare il motore a veicolo fermo sia al regime minimo sia elevato. In questo modo, infatti, il motore si scalda più lentamente e aumentano le emissioni. Risparmio: 40 euro in un anno.

Il miglior modo per risparmiare carburante è quello di aumentare la velocità un po’ per volta, senza accelerare bruscamente. Inoltre, è meglio passare al più presto alla marcia superiore.

Mantenere una velocità uniforme e moderata limita il consumo di carburante, dato che le emissioni aumentano esponenzialmente all’aumentare della velocità. Risparmio: 110 euro l’anno.

Bisogna rallentare gradualmente lasciando il pedale dell’acceleratore e tenendo la marcia innestata. Inoltre, è meglio spegnere il motore appena possibile, in coda o al semaforo. Risparmio: 90 euro in un anno.

Una pressione ottimale delle gomme aiuta a risparmiare. L’ideale è controllarla una volta al mese e prima di lunghi percorsi. Una pressione bassa, infatti, aumenta i consumi di carburante perché rende maggiore la resistenza al rotolamento. Risparmio: 80 euro annuali.

Un’auto piena di bagagli influenza fortemente i consumi e la stabilità del veicolo. Non bisogna mai superare la massa prevista dal libretto di circolazione. Risparmio: 10 euro in un anno.

Anche la radio e il navigatore consumano benzina, quindi è meglio limitare il loro uso. Bisogna risparmiare anche sull’uso del climatizzatore, responsabile di alti consumi. Risparmio: 55 euro in un anno.

Viaggiare con i finestrini aperti influisce negativamente sull’aerodinamica del veicolo e quindi anche sui consumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *