Come scegliere il conto deposito: qualche consiglio

0
32
Come scegliere il conto deposito
Booking.com

Il conto deposito consiste in un mezzo di investimento sicuro che consente di accedere ad un tasso di interesse annuo sul deposito di denaro effettuato.

In sostanza, una volta aperto un conto deposito, si può avere accesso ad un rendimento sul denaro sulla base dei tassi di interesse che sono regolati dall’istituto scelto. Il conto deposito non è un normale conto corrente, perché si possono effettuare un numero limitato di operazioni ma si può ottenere un rendimento elevato sulla somma di denaro che si ha depositata.

Per chi è indicato il conto deposito?

Il conto deposito è indicato per quelle persone che vogliano mettere a punto un sistema di investimento modesto ma che consenta di mettere via una certa somma di denaro e di risparmiare. Ad esempio se si vuole creare il gruzzolo iniziale per poter poi accendere un mutuo, se si vuole risparmiare per acquistare un’auto nuova o semplicemente creare un piccolo capitale che potrà servire in futuro, il conto deposito è l’opzione migliore perché è a bassissimo rischio (effettivamente il rischio esiste solo se la somma depositata supera i 100mila euro, cioè per la parte in cui, oltre i 100mila euro, non è garantita dal Fondo).

Le garanzie del conto deposito sono interessanti: il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi garantisce che vengano restituiti al massimo 100mila euro per ogni aderente laddove la banca dovesse fallire, e questo consente ai titolari del conto deposito di poter dormire sonni tranquilli.

Tipologie di conto deposito

Non esiste un tipo unico di conto deposito, come si desume dal sito specializzato MiglioreContoDepositoConfronto, ma due tipologie:

  • il conto deposito vincolato: formula che vincola la somma che si versa per un certo lasso di tempo che passa da pochi mesi a massimo dieci anni. Il denaro, quindi, non può essere prelevato durante questo lasso di tempo a meno che non si paghi una penale. Il vantaggio del conto deposito vincolato è che, appunto per questo vincolo, i rendimenti sono migliori.
  • Il conto deposito libero, non vincolato: consente di accedere alla somma che si versa in qualsiasi momento senza quindi che sia ‘congelata’ entro un certo lasso di tempo. Il rendimento però è minore. Questo conto deposito è indicato per chi, ad esempio, prospetti la possibilità che si verifichi un’emergenza che chiede di poter utilizzare i soldi depositati: gli interessi sul conto deposito sono minori (in genere lo 0,10%) ma si avrà la tranquillità di poter accedere alla somma entro un certo lasso di tempo.

Come si apre il conto deposito

Il conto deposito si apre per mezzo di alcuni documenti:

  • una copia del documento d’identità
  • copia del codice fiscale o tessera sanitaria
  • dati del conto corrente tradizionale
  • certificato di residenza (richiesto da alcune banche).

Una volta che il conto deposito sarà aperto il pagamento può essere disposto per mezzo di assegno/bonifico mensile o con RID. Le spese del conto deposito in genere sono assai limitate, nella maggior parte dei casi pari a zero, dato che le funzionalità del conto sono estremamente ridotte. Spesso è possibile accedere ad una app che consente di gestire a distanza il conto ovunque ci si trovi.

 

Commenti

commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.