Economia. La Commissione Europea avalla maggiori sovvenzioni per le imprese del Mezzogiorno

Economia, notizia importante per il nostro paese. Soprattutto per il sud Italia. La Commissione Europea ha concesso più aiuti per le imprese del Mezzogiorno.

Le “modifiche” dell’Italia

l’Italia ha apportato alcune modifiche al proprio regime nazionale di sovvenzioni dirette per supportare le aziende operanti nelle regioni del Mezzogiorno colpite dalla crisi del Covid-19. La Commissione Europea ha espresso parere favorevole in tal senso. Il nostro paese dunque ha notificato alla Commissione le seguenti modifiche:
– la proroga della durata del regime fino al 31 dicembre 2021;
– l’aumento del bilancio totale previsto per gli aiuti, con uno stanziamento di 4,8 miliardi di euro per il 2021;
– requisiti di idoneità più stringenti per i beneficiari;
– l’aumento degli importi massimi degli aiuti per impresa.

Le conseguenze

Il regime modificato continuerà a prevedere la riduzione dei contributi previdenziali pagati dai datori di lavoro privati operanti nel Mezzogiorno. La Commissione ha concluso che il regime di sostegno, così come modificato, resta necessario, adeguato e proporzionato per porre rimedio al grave turbamento dell’economia dello Stato. Su questa base, la Commissione ha approvato la misura in base alle norme dell’Ue sugli aiuti di Stato.

Milano
cielo sereno
4 ° C
5.6 °
2 °
93 %
1kmh
0 %
Lun
12 °
Mar
12 °
Mer
14 °
Gio
13 °
Ven
13 °

Potrebbe interessarti: